Housing Sociale a Torino, bioarchitettura e risparmio energetico

15 giugno 2009
Housing Sociale a Torino, bioarchitettura e risparmio energetico

Housing Sociale a Torino, bioarchitettura e risparmio energetico


Clicca per ingrandire
Lo studio di architettura StudioCosta&Partners e lo Studio Mellano Associati stanno lavorando sul progetto di un albergo sociale a Torino, progetto che ha anche vinto il bando emanato dalla Divisione Edilizia Residenziale Pubblica - Settore Edilizia Sociale del Comune di Torino, per la realizzazione e la gestione di una Casa Albergo Residenza Sociale.

Il Comune di Torino, attraverso la Società “Ivrea 24 abitare sostenibile”, promuove la realizzazione di una residenza temporanea per soggetti socialmente fragili nel quartiere di Pietra Alta a Torino. Il progetto, seguito nella parte preliminare dallo StudioCosta&Partners e successivamente incaricati in ATP con lo Studio Mellano Associati, prevede di destinare gli appartamenti a diverse forme di gestione di residenza sociale temporanea (foresteria, residence, campus e albergo ). Inoltre vi saranno spazi destinati a ambulatori medici a prezzi calmierati, bar e ristoranti, attività aggregative e di sostegno reciproco che diventeranno “punti di riferimento” destinati sia agli ospiti dell’Albergo Sociale che agli abitanti del quartiere: un progetto che è parso alla commissione selezionatrice decisamente innovativo, capace di rispondere a tutte le esigenze indicate nel bando e di offrire un valore aggiunto in termini di qualità architettonica, di risparmio energetico, di impatto ambientale.

L’edificio, che occuperà circa 10.000 mq di superficie, prevede 183 unità residenziali con circa 470 posti letto. Il complesso edilizio è costituito da due corpi di fabbrica, quello ovest (Edificio A), e quello est (Edificio B), entrambi di nove piani collegati tra loro dal blocco dei collegamenti verticali.

Ad oggi, l’immobile nel suo complesso versa in cattivo stato di conservazione e necessita di un consistente intervento di messa a norma e di manutenzione straordinaria, nonché di una differente organizzazione e distribuzione degli spazi per rispondere in modo più funzionale alla nuova destinazione d’uso di Albergo Sociale e per soddisfare le esigenze abitative e relazionali della nuova utenza. Le scelte progettuali che hanno guidato la redazione del progetto di manutenzione straordinaria da parte del team di StudioCosta&Partners e Studio Mellano Associati sono molteplici e tutte ispirate ai principi della sostenibilità ambientale e volte al conseguimento della più alta efficienza energetica.

Le strategie d’intervento sono riconducibili a:
- Sfruttare l’occasione della messa a norma dell’edificio per migliorare i flussi distributivi e l’organizzazione funzionale dei collegamenti verticali e orizzontali;
- Impiegare materiali eco-compatibili e a bassa manutenzione: la scelta dei materiali è stata infatti improntata a criteri di durata e di riduzione della manutenzione e dell’impatto ambientale, oltre che dalla volontà di operare sull’edificio un restyling delle facciate, attraverso nuovi rivestimenti che conferiscono all’immobile una veste più dinamica e gradevole;
- Utilizzare impianti per la produzione di energia sostenibile come la trigenerazione e il fotovoltaico;
- Ottenere la massima flessibilità dell’organismo edilizio che verrà raggiunta mediante l’utilizzo della modularità strutturale di base dell’edificio e la presenza di partizioni interne la cui sostituzione ha consentito di riconfigurare differenti tipologie abitative

L’Albergo Sociale è fortemente caratterizzato da scelte volte alla sostenibilità ambientale ed al risparmio energetico.
Il progetto è concepito in modo da adottare le soluzioni di ristrutturazione e di gestione maggiormente eco-sostenibili nel rispetto del comfort degli utenti e nell’ottica di garantire un risparmio significativo per quanto riguarda i consumi, che si concretizzerà in un risparmio immediato di energia e in un valore aggiunto del bene immobiliare per effetto della ottima classe di efficienza energetica.
Il processo di progettazione integrata per la ristrutturazione è stato oggetto di uno studio preliminare al fine di adottare tutte le indicazioni contenute nelle normative vigenti e al contempo indirizzare le scelte progettuali verso una corretta integrazione per soddisfare gli obiettivi di:

- Ottimizzazione del comfort
- Riduzione dei consumi energetici
- Riduzione dell’impatto ambientale

Questi obiettivi sono particolarmente ambiziosi in quanto il complesso risulta costruito negli anni Settanta, in un periodo antecedente alla Legge 10/91, quindi senza l’adozione di alcun accorgimento costruttivo per il contenimento dei consumi energetici.

L’eco-sostenibilità del progetto avverrà attraverso la ricerca di soluzioni che in una prima fase si identificano in:

a) Tri-generazione con realizzazione e gestione dell’impianto affidati a una ESCO Energy Service Company: il complesso avrà (non è obbligatorio per legge) un impianto di micro-trigenerazione ad alta efficienza, che produrrà energia elettrica, termica e frigorifera veicolate tramite rete di teleriscaldamento e raffrescamento. La maggiore efficienza energetica di questo impianto rispetto agli impianti tradizionali con caldaie autonome garantirà un minore impatto ambientale in termini di emissioni inquinanti ed un immediato risparmio economico agli utenti (10% della bolletta per energia termica oltre alla riduzione degli oneri di sicurezza e manutenzione).
La produzione dell'acqua calda sanitaria sarà centralizzata; la centrale termica sarà costituita da una caldaia a condensazione e la contabilizzazione sarà autonoma per ogni singolo alloggio. Il “freddo” sarà assicurato da una centrale frigorifera. Per l'impianto interno agli alloggi, sono previste per le camere e per il soggiorno dei fan-coil da appartamento, mentre per il bagno si è previsto un radiatore da arredamento.

b) Solare fotovoltaico e solare termico: il complesso sarà dotato di un impianto solare fotovoltaico architettonicamente integrato e realizzato a partire dai fabbisogni specifici delle utenze condominiali. In questo modo i singoli locatari godranno di un ulteriore beneficio economico dovuto alla diminuzione dei costi. Inoltre sarà oggetto di valutazione l’istallazione (non obbligatoria per legge) di impianti solari termici per la produzione dell’acqua calda sanitaria per oltre il 50% del fabbisogno di ciascuna unità immobiliare.

c) Risparmio idrico: per l’intero complesso verrà effettuato il recupero dell’acqua piovana (non obbligatorio per legge), utilizzata per l’irrigazione del verde esterno, per gli spazi d’acqua esterni volti al miglioramento del microclima e per l’alimentazione della eventuale riserva idrica antincendio.

d) Isolamento termico ad alte prestazioni: i paramenti esterni, le coperture, le murature perimetrali, i solai verso l’esterno (pavimento piano primo) saranno ristrutturati come sopra descritto in modo da garantire un elevato isolamento termico.

e) Sistemi Solari Passivi: saranno progettati e disegnati ad hoc sistemi solari passivi, serre solari e giardini di inverno, per la captazione diretta ed il recupero dell’energia per irraggiamento solare in inverno, dotati di sistemi di schermatura con brise-soleil scorrevoli che garantiscono il comfort interno anche nella stagione estiva. Le serre solari non sono obbligatorie per legge, ma consentono di creare un efficace cuscinetto termico per le logge della facciata sud, poiché non possono essere rivestite dalla parete ventilata.

f) Impianti elettrici: di estrema semplicità e funzionalità, gli impianti elettrici e di illuminazione sia di interni che esterni saranno progettati e realizzati utilizzando le fonti luminose a maggior risparmio energetico attraverso lampade fluorescenti classe A per garantire il massimo risparmio energetico pur mantenendo l’economicità della realizzazione. L’impianto elettrico, a norma CEI, fornisce una vasta gamma di utilizzazioni: ogni camera sarà fornita di attacco TV (impianto centralizzato), impianto telefonico e citofono.

g) Utilizzo di materiali disinquinanti fotocatalitici per i rivestimenti esterni: i materiali fotocatalitici per uso edile rappresentano uno dei più interessanti sviluppi apparsi nel settore in questi ultimi anni, anche se la legge non ne prevede l’obbligatorietà. Questa nuova tecnologia permette l'ottenimento di alcune prestazioni speciali, tra cui l'auto-pulizia, la rimozione di alcuni inquinanti dall'aria e l'auto disinfezione da contaminanti batterici.

h) Per quanto riguarda i materiali, saranno privilegiate soluzioni ad alto rendimento (standard elevati in termini di eco-compatibilità, di prestazioni, di durata, di semplicità d’uso e di assenza di manutenzione).



comments powered by Disqus