Legno&Edilizia 2007: Le Ville Plus presenta STADIUM PLUS, il primo stadio eco-sostenibile

16 febbraio 2007
Legno&Edilizia 2007: Le Ville Plus presenta STADIUM PLUS, il primo stadio eco-sostenibile


Clicca per ingrandire

In occasione dell’appuntamento biennale con la fiera specializzata dedicata al legno, Gruppo Polo - Le Ville Plus, azienda leader nell’edilizia innovativa e nelle costruzioni in legno, presenta il progetto del primo stadio eco-compatibile: Stadium Plus.

Dal 1985, anno di fondazione di Le Ville Plus, il legno è l’elemento fondamentale di ogni realizzazione dell’azienda che al posto del calcestruzzo utilizza una struttura in legno lamellare a telaio ed incastri. Si tratta di un sistema costruttivo brevettato (Home Plus) che Gruppo Polo – Le Ville Plus ha sviluppato e finalizzato nel tempo facendo propri i criteri di bio-edilizia e bio-archiettura attraverso una costante attività di collaborazione con prestigiose università italiane come, per esempio, quella di Trento risultando così la prima impresa generale di costruzioni in edilizia eco-sostenibile in Europa.

Il risultato è una tecnica costruttiva che garantisce il massimo della flessibilità di progetto sia nel settore residenziale, sia in quello del contract o per realizzazioni più grandi: nessuna soluzione standardizzata, ma progetti ideati e costruiti in base alle specifiche esigenze del cliente.

E non solo: realizzare una casa con Gruppo Polo - Le Ville Plus significa scegliere di vivere secondo valori che rispettano la qualità della vita e la tutela dell’ambiente, utilizzando materiali e tecnologie eco-sostenibili. Queste ultime vengono sviluppate dal Comitato Scientifico interno di Gruppo Polo –Le Ville Plus, formato da architetti, ingegneri ed esperti, costantemente impegnato nella ricerca e sperimentazione di sistemi e brevetti che garantiscano massima armonia tra uomo e ambiente; come Zero Energy, il sistema integrato che rende abitazioni o uffici autosufficienti dal punti di vista energetico con lo sfruttamento di fonti naturali.

Ma non solo, Le Ville Plus significa anche servizio completo ed integrato: dalla progettazione architettonica, alla direzione cantiere, alla costruzione, all’impiantistica, alla domotica, allo studio degli interni, alla illuminotecnica allo studio paesaggistico degli esterni.

Il consolidato know-how nell’utilizzo del legno e la continua attività di ricerca dell’azienda hanno reso possibile sviluppare e brevettare un progetto unico e rivoluzionario: uno stadio costruito applicando i principi di eco-sostenibilità: STADIUM PLUS. Non piùluogo di aggregazione legato esclusivamente al mondo del calcio, ma struttura multifunzionale con all’interno attività sportive, educative, ricreative e culturali che sfruttano al meglio gli spazi: uno stadio sul modello inglese che viene vissuto dalla comunità tutto l’anno, tutti i giorni, e che avvicina tutta la famiglia all’evento sportivo.

Stadium Plus è frutto del lavoro di ricerca e progettazione del Comitato Scientifico di Gruppo Polo – Le Ville Plus durato 3 anni e partito con lo studio dei migliori stadi del mondo. Pensato secondo i più moderni criteri propri di bioedilizia, bioarchitettura e bioclimatica  esso è eco-sostenibile, a bassissimo impatto ambientale, realizzato con materiali naturali e eco-compatibili come il legno, ben armonizzato con l’ambiente ed il paesaggio circostante ed in grado di fornire energia elettrica al tessuto urbano circostante.

Stadium Plus soddisfa le esigenze di stadi di piccole, medie e grandi dimensioni (dai 5 mila posti fino ai 100 mila posti), ma può anche adattarsi ad interventi di ristrutturazioni ampliamenti e rinnovo. Il metodo costruttivo è rivoluzionario coniuga la standardizzazione del processo costruttivo, Bioscience Building System®, all’industrializzazione dei processi edili e alla possibilità di personalizzare la struttura in ogni elemento, riducendo i tempi di costruzione (un anno e mezzo in meno rispetto ai 4 anni circa) e i costi del 25-30% circa.

Maggiori informazioni:
www.levilleplus.it 
www.stadiumplus.com




comments powered by Disqus