Nuova tegola STile di Vardanega presentata al SAIE 2008

03 novembre 2008
Nuova tegola STile di Vardanega presentata al SAIE 2008

Nuova tegola STile di Vardanega presentata al SAIE 2008


Clicca per ingrandire

La casa è il bene più prezioso, luogo di ritrovo e ritorno per eccellenza, lo spazio che ogni giorno si inventa a propria immagine e somiglianza. Per compiere più facilmente questa evoluzione espressiva, la Fornace Laterizi Vardanega ha creato una linea di tegole: è STile.

È STile infatti la soluzione ideale che conferisce all’abitazione eleganza e prestigio con semplicità, efficacia e velocità di posa, grazie alle sue qualità costruttive e ai toni più di tendenza nei mercati europei che la rendono un prodotto originale e riconoscibile.

L’estrema facilità di posa, l’ampio canale di ruscellamento, insieme alla garanzia di sicurezza e durata nel tempo, rendono inoltre STile una tegola unica anche per praticità e resistenza. Eccezionale anche il risparmio, di tegole e tempo: ogni m2 richiede 10 pezzi soltanto.

Sette le colorazioni, abbinabili tra loro, che Vardanega ha creato per STile: dalle tonalità anticate di Champagne Scuro, Champagne Chiaro e Chiarofumo, alle nuances calde e autunnali di Sunshine e Red per giungere infine agli effetti cromatici più moderni e di Moka e Light.

Inoltre la soluzione cromatica continua che caratterizza queste tegole permette di ottenere un effetto di elegante uniformità sulla copertura, pur mantenendo inalterato il prestigio e la bellezza dell’effetto coppo.
Ideale per ogni tipo di contesto abitativo, STile da la possibilità di creare eleganti abbinamenti: per la ristrutturazione di antichi palazzi dei centri storici, per le lussuose ville di campagna o per conferire pregio agli edifici più moderni.

Con STile di Vardanega è possibile personalizzare la casa e rendere ogni dimora uno spazio esclusivo.

MAggiori informazioni:
Fornace Laterizi Vardanega Isidoro Srl

Via Olivi, 71
31054 Possagno (TV)
Tel. 0423 920011
Fax  0423 920819
www.vardanegaisidoro.it




comments powered by Disqus