Raurain, recupero dell'acqua piovana da Rehaus

27 gennaio 2009
Raurain è un sistema per il recupero dell’acqua piovana. Raccolta e filtrata, l’acqua trova numerosi campi di applicazione, dall'irrigazione di giardini all'uso negli sciacquoni e nelle lavatrici.

Raurain, come funzione
L’acqua piovana accumulata sulla superficie del tetto viene fatta passare attraverso il pluviale, quindi raggiunge il filtro volumetrico Raurain, dove viene ripulita da impurità quali fogliame e rametti spezzati che il filtro autopulente è in grado di smaltire attraverso la canalizzazione con cui è collegato.

L’acqua così ripulita raggiunge il serbatoio sotterraneo passando attraverso il condotto di alimentazione stabilizzato integrato nella cisterna e dotato di tubo tracimatore, che consente di condurre l’acqua in eccesso ad un dispositivo di drenaggio o alla rete di canalizzazione. Per impedire eventuali intrusioni di piccoli animali all’interno del serbatoio, il tracimatore è dotato di un apposito dispositivo-barriera.

L’acqua piovana viene prelevata dal serbatoio attraverso un tubo flessibile di aspirazione lungo max. 13 m, dotato di un dispositivo di prelievo galleggiante. Attraverso il suddetto flessibile l’acqua raggiunge l’unità compatta Raurain installata all’interno dell’edificio. Nel tratto tra il serbatoio e l’edificio il flessibile di aspirazione viene condotto attraverso una guaina tubolare protettiva, che serve nel contempo per condurre la sonda di livello dell’unità compatta.

All’interno dell’unità dalla struttura compatta, il flessibile di aspirazione è collegato con una pompa premente pluristadio, la quale provvede a trasportare l’acqua ai singoli punti di utenza. L’unità compatta è dotata di un dispositivo di controllo della pressione e passaggio del flusso, che si attiva automaticamente ad ogni prelievo d’acqua dal sistema e, dopo l’interruzione dello stesso, si spegne, sempre automaticamente, una volta decorso il tempo di funzionamento residuo impostato. Un eventuale scarsità d’acqua all’interno della cisterna, caso possibile in particolare dopo un periodo di siccità prolungata oppure di prelievo di grosse quantità d’acqua, viene individuata dalla sonda di livello integrata nella cisterna.

Per evitare che vengano aspirati eventuali sedimenti depositati sul fondo della cisterna, è opportuno fissare la sonda a una distanza di almeno 25 cm dal fondo del serbatoio. Nel caso in cui l’acqua dovesse scarseggiare, la commutazione passa automaticamente sul modo acqua potabile. L’acqua potabile verrà a questo punto prelevata da un serbatoio che si trova all’interno dell’unità ed alimentata quindi nel sistema. Il serbatoio viene poi rabboccato automaticamente attraverso un raccordo per acqua potabile collegato, provvisto di una valvola a galleggiante. Per motivi di igiene l’acqua contenuta nel serbatoio di rabbocco viene sostituita automaticamente ogni 4 settimane. Se non si desidera che venga erogata acqua piovana sui punti di utenza, è possibile commutare manualmente sul modo acqua potabile.

Irrigazione dei giardini
L’acqua piovana raccolta sulla superficie del tetto arriva attraverso le grondaie nel serbatoio interrato Raurain. Nel serbatoio interrato è integrato un filtro che trattiene lo sporco più grosso come rametti o fogliame. L’acqua viene raccolta nel serbatoio finché viene raggiunto un certo livello. Il serbatoio è dotato di un tracimatore che permette l’invio di acqua eccedente verso un sistema di drenaggio o nella canalizzazione. Per il prelievo si utilizza una pompa premente ad immersione nel serbatoio.

Maggiori informazioni:
www.rehau.it



comments powered by Disqus