MiLoft, un loft come una casa passiva?

24 agosto 2009
MiLoft, un loft come una casa passiva?


Clicca per ingrandire
Il concetto di casa passiva è affascinante: un'abitazione in grado di offrire un ambiente confortevole durante tutto l'anno senza ricorrere ad alcuna forma di riscaldamento o condizionamento interno. Si tratta di una tipologia di case diffusa soprattutto nel nord Europa, anche per via della difficile adattabilità a climi più caldi.

Le case passive sfruttano la disposizione e l'orientamento delle stanze per ottenere il massimo guadagno dall'irradiamento della luce solare in inverno, ed ovviamente un isolamento termico di pareti, tetto e soprattutto infissi decisamente superiore a quello di una casa tradizionale.

Difficile pensare però ad una casa passiva sotto forma di... un loft. Ma è proprio questo l'obiettivo del progetto dello studio britannico RMJM, che allo scorso Mipim - la mostra internazionale del real estate - ha presentato MiLoft.

MiLoft è un appartamento dal costo accessibile anche a famiglie con possibilità economiche ridotte, e non un costoso modello pensato solo per persone abbienti.

Costruito con materiali sostenibili, il MiLoft utilizza la tecnologia “Mechanical Ventilation Heat Recovery” (MVHR), ovvero un impianto di ventilazione meccanica con la possibilità di recuperare il calore dell'aria in uscita tramite uno scambiatore di calore, esattamente come nelle case passive. Il calore viene quindi passato al flusso d'aria in entrata.

Per i mesi estivi invece è previsto un sistema di ventilazione naturale che dovrebbe ridurre sensibilmente o eliminare del tutto la necessità di condizionatori d'aria.

Fra le altre caratteristiche del progetto MiLoft c'è l'impianto di raccolta dell'acqua piovana, che viene poi impiegata per gli scarichi dei bagni.

Il costo previsto per le unità, da una a quattro camere, parte da circa 55.000 sterline, un costo purtroppo impossibile da tradurre in Euro per via dell'enorme differenza nel prezzo dei terreni edificabili nei sobborghi delle grandi città fra UK ed Italia.



comments powered by Disqus