Progetto Biocasa di Filca Cooperative: una casa a consumo zero in Lombardia

12 dicembre 2011
Progetto Biocasa di Filca Cooperative: una casa a consumo zero in Lombardia


Clicca per ingrandire
Filca Cooperative continua a sviluppare il suo Progetto Biocasa, che ha portato alla realizzazione in Lombardia della Residenza Verdiana, composta da otto appartamenti a consumo zero. Si tratta del primo edificio di questi tipo nella regione, tra i primissimi in Italia, progettato con un occhio attento alla bioclimatica e all’impiego delle tecnologie più all’avanguardia, fattori che hanno permesso di ottenere altissimi standard di rendimento energetico e un totale abbattimento dei costi di gestione.

La Residenza Verdiana di recente è comparsa nella mostra “Best Practices”, allestita a Enersolar+ Greenergy Expo, in Fiera Milano a Rho, selezionata come esempio di impiego virtuoso di soluzioni innovative nel campo delle energie rinnovabili e del risparmio energetico. Il progetto ha ricevuto inoltre il 25 novembre 2011 il Premio all’innovazione amica dell’ambiente, promosso da Legambiente insieme a Confindustria e Regione Lombardia, con il contributo di Fondazione Cariplo, Camera di Commercio di Milano, Politecnico di Milano e Università Bocconi.

Nella Residenza Verdiana, Filca ha combinato le migliori soluzioni progettuali e impiantistiche esistenti, a partire dalla scelta effettuata per la struttura portante, realizzata con il sistema Wood Beton del Gruppo Nulli, che integra legno e calcestruzzo.
Fondamentale nell’abbattimento dei consumi energetici è stata poi la scelta di installare un impianto centralizzato geotermico-fotovoltaico, che utilizza fonti rinnovabili per il riscaldamento e la produzione di acqua calda sanitaria. Un sistema di sonde geotermiche preleva il calore a circa 100 metri di profondità, dove si mantiene a temperatura costante tutto l'anno (circa 12-13° C), e le pompe terra-acqua installate, azionate dall’energia prodotta dai pannelli solari posizionati sul tetto, lo trasferiscono all'impianto di riscaldamento e di produzione di acqua calda. L’impianto inoltre lavora in interscambio con la rete elettrica locale: il meccanismo di compensazione tra l’energia prodotta in esubero e ceduta e quella prelevata in caso di necessità consente l’azzeramento della spesa energetica, come documenta anche l’analisi effettuata dal Dipartimento BEST (Building Environment Science & Technology) del Politecnico di Milano.

L’altissimo rendimento energetico colloca l’edificio al margine inferiore della classe A+ (0 – 14 Kwh/m2anno) e risulta essere la migliore prestazione energetica in Lombardia, dove il consumo medio del patrimonio immobiliare esistente è stato stimato dalla Regione pari a 182 Kwh/m2anno (classe G). Con la Biocasa A+ Consumo Zero, Filca Cooperative ha addirittura superato l'obiettivo previsto dalla Direttiva Europea 31/2010, con la quale si impone agli Stati dell'EU che tutte le nuove costruzioni, entro il 31 dicembre 2020, siano a energia quasi zero.

Ma la Biocasa A+ Consumo Zero non è solo completamente autosufficiente dal punto di vista energetico, è anche un’abitazione confortevole, progettata con particolare riguardo per il benessere e la salute delle persone. Le soluzioni adottate (involucro compatto e isolante, serramenti con spessore maggiorato e triplo vetro, pannelli radianti a pavimento, impianto di ventilazione meccanica per il controllo dell’aria interna) creano un ambiente sicuro e salubre.

Da sottolineare che, nonostante i costi azzerati per il riscaldamento e l’elevata qualità complessiva, il prezzo richiesto (2.400 euro/mq) è in linea o addirittura al di sotto rispetto alle quotazioni del mercato locale per unità abitative con standard energetici e qualitativi lontani anni luce dalle prestazioni della Residenza Verdiana.

Maggiori informazioni:
www.filca.it





comments powered by Disqus