Un hotel passivo con le lastre Xenergy

05 novembre 2012
Un hotel passivo con le lastre Xenergy

Un hotel passivo con le lastre Xenergy


Clicca per ingrandire
A Torbole in provincia di Trento, sullo splendido lago di Garda, sorge il primo hotel passivo costruito in Italia, una struttura ricettiva certificata dal Darmstadt Passivhaus Institute in Germania che utilizza le stesse tecniche impiegate nelle case passive per ottenere valori di consumo energetico ridottissimo.

Fra le soluzioni tecniche impiegate figurano anche le lastre Xenergy di Dow Building Solutions, un materiale isolante capace di mantenere le sue proprietà di isolamento inalterate a lungo termine.

Per Dow Building Solutions, questo progetto - solamente il secondo in Europa certificato dal Passivhaus Institute - rappresenta un’importante occasione per dimostrare la versatilità delle lastre Xenergy, materiale impiegato per l’isolamento di diverse zone dell’edificio.

Per le pareti esterne, sono state scelte lastre di Xenergy IB di spessore 160 mm, mentre per isolare il soffitto dell’area destinata ai parcheggi sotterranei, sono state utilizzate lastre da 100 mm. Xenergy SL con spessore 160 mm è stato, invece, impiegato nei pavimenti e per l’isolamento dei tetti con lastre da 200 e 100 mm.
L’hotel ha potuto contare anche sulle qualità di Great Stuff Seal&Flex, schiuma monocomponente (OCF) sviluppata per sigillare le fessure che si creano nel montaggio di infissi di porte e finestre. Il principale appaltatore della nuova struttura alberghiera è Armalab, azienda che ha ottenuto riconoscimenti da Casa Clima e precedenti certificazioni Passivhaus.

Armalab è membro dell’Associazione Nazionale di Architettura Bioecologica, organizzazione che ha come scopo quello di minimizzare l’impatto ambientale degli edifici.




comments powered by Disqus