La casa passiva di Gian Piero Marchiori

11 settembre 2008
La casa passiva di Gian Piero Marchiori


Clicca per ingrandire

In Provincia di Padova nel Comune di Borgoricco il geometra Gian Piero Marchiori ha realizzato una casa passiva, o perlomeno una casa che si avvicina agli standard qualitativi della Passivhaus tedesca - passivhaus secondo il termine originale di lingua tedesca, è un'abitazione che assicura il benessere termico senza alcun impianto di riscaldamento "convenzionale". 

Con la progettazione e la realizzzazione di questa casa, Marchiori ha raggiunto inaspettati traguardi:

ha abbattuto i costi complessivi di edificazione pareggiandoli con una di tipo tradizionale (costi elevati dei materiali compensati con la poca manodopera impiegata, circa 15 giorni lavorativi);

ha passato l’estate senza condizionatore, visto che la casa è ben ventilata e nessuna finestra è esposta al sole;

la casa è molto luminosa perché dispone di molte vetrate, tutte rigorosamente dotate di vetri termici;

il riscaldamento è assicurato da una piccola stufa a pellet / legno / cippato, a costo iniziale pari a zero, perchè brucerà il legno avanzato dalla costruzione della casa;

per il riscaldamento dell’acqua ha installato un boiler (in dotazione con la stufa) che, in inverno viene scaldata dalla stufa ed in estate da un pannello solare;

la lavastoviglie e la lavatrice sono allacciate alla condotta dell’acqua calda quindi consumano meno elettricità per il riscaldamento dell’acqua;

ha predisposto l’illuminazione del giardino alimentata da batterie che si ricaricano durante il giorno tramite pannelli fotovoltaici (ne bastano 2 per assicurare all’incirca 100W);

le acque piovane vengono raccolte in cisterne interrate per poi usarle per annaffiare il giardino.

CARATTERISTICHE TECNICHE

Casa_passiva_struttura.jpgPLATEA DI FONDAZIONE:
Realizzazione di platea areata su “igloo” di altezza totale 70cm.
La platea ha una aerazione naturale assicurata da aperture Nord/Sud che permette lo smaltimento del gas “Radon” sprigionato dal sottosuolo.

INTELAIATURA IN FERRO
La struttura viene consolidata al suolo a mezzo intelaiatura in acciaio zincata a fuoco portante composta da IPE e tiranti che ne assicurano la portata antisismica (conforme alla normativa antisismica classe1) e agenti atmosferici (vento).

PARETI ESTERNE
Struttura perimetrale tipo “sandwich” composta da morali in legno lamellare abete trattato con prodotti ad acqua su OSB da 3cm e riempimento con materiale isolante EPS e grafite ad elevate prestazioni termoisolanti.

CAPPOTTO TERMICO
Lastre da 6 cm di spessore in EPS e grafite (in % inferiore) agganciate maschio/femmina incollate con colla e rete a cappotto e successivamente intonacate con intonachino idrorepellente.

Casa_passiva_muri.jpgTETTO
Morali in legno lamellare abete su perline rigorosamente trattato con prodotti ad acqua, guaina traspirante, pannello “sandwich” composto da OSB – EPS – OSB di altezza 15cm, manto di copertura in lastre grecate di Aluzink su supporto in EPS da 12cm.

IMPIANTISTICA
Non è presente nessun tipo di riscaldamento “tradizionale” (termosifoni , risc. a pavimento) il riscaldamento è assicurato dalla presenza di una stufa a pellet/legno/cippato che ne assicura il confort invernale.

PAVIMENTO - SOLAIO
Al piano terra il massetto poggia su “igloo” areato da 5cm mentre il solaio è in legno con morali in legno lamellare su perline, pannello fonoassorbente e OSB rifinitura a listoni di parquet.

PARASOLE
Le pareti a Sud sono sprovviste di finestre mentre quelle a Est sono riparate dalla luce diretta del sole da una persiana in ferro.

VETRATE
Tutte le vetrate hanno vetri termici ad alto potere termoisolante, le poche esposte al sole hanno speciali tende microforate riflettenti.

TERRAZZA CON GIARDINO
Sopra la cucina è presente una terrazza con giardino, accuratamente isolata, coibentata e drenata, dovranno essere impiantate una specifica essenza di pianta grassa.

AREAZIONE
La casa è dotata di impianto di ventilazione forzata che ne assicura il continuo riciclo dell’aria (l’aria calda del primo piano viene portata al piano terra), in estate facilita la ventilazione ed un discreto benessere interno senza condizionatore.

SCARICHI REFLUI
Le acque meteoriche vengono raccolte su cisterne interrate che serviranno successivamente per irrigare il giardino, lavare la macchina ecc..
Le acque degli scarichi domestici, opportunamente depurate, vengono dilavate nel sottosuolo del giardino.

Maggiori informazioni:
Geometra Gian Piero Marchiori
Via Castellaro 23
35010 Borgoricco (PD)
email marchiorimm@alice.it
Cell 347 1241039




comments powered by Disqus