Case in legno, i vantaggi

07 febbraio 2010
Case in legno, i vantaggi


Clicca per ingrandire
Molti lettori ci scrivono perchè non hanno ben chiari i vantaggi delle case in legno rispetto a quelle costruite con l'edilizia cosiddetta tradizionale, ovvero cemento e mattoni. In altri paesi, come ad esempio qui in Australia da dove stiamo scrivendo, le costruzioni in legno rappresentano una consistente parte dell'edilizia residenziale, ed anche le case singole costruite con mattoni facciavista, un tipo di costruzione molto popolare soprattutto nei sobborghi e nelle campagne, hanno comunque una struttura in legno e pareti in legno, con solamente il guscio esterno in mattoni.

Ma vediamo di analizzare punto per punto i vantaggi delle case in legno, visto che in Italia molti ancora hanno dubbi su diversi aspetti di questo tipo di costruzione. Iniziamo affermando che una casa in legno normalmente offre un ambiente più salubre per gli occupanti, con una forte riduzione di muffe e batteri all'interno dell'abitazione, con vantaggi importanti soprattutto per chi soffre di allergie. Le proprietà igroscopiche del legno fanno sì che possa di fatto regolare la quantità di umidità presente nell'aria all'interno della casa.

Il legno è un materiale naturale che accumula calore ed umidità dall'aria circostante, regolando il clima all'interno della casa e riducendo il surriscaldamento estivo. Questo avviene per via della bassa conducibilità termica del legno, e della semplicità nel costruire strutture con pochi ponti termici.

Ovviamente uno degli aspetti principali delle case in legno è il fatto che si tratta di un materiale da costruzione che non incide sul bilancio ecologico. Tutto il processo di produzione e lavorazione del legno procude pochissime emissioni di CO2, meno ancora di altri inquinanti. L'energia necessaria per produrre il legno necessario a costruire una casa arriva ad essere una piccola frazione di quella necessaria per una casa in laterizi. I residui della lavorazione inoltre possono essere facilmente riciclati o riutilizzati, al limite anche solo come combustibile per un camino o una caldaia.

E veniamo agli aspetti economici: una casa in legno può essere prefabbricata, ovvero costruita in buona parte direttamente in fabbrica e poi assemblata in cantiere. Questo sistema consente di ottimizzare i costi, e di ridurre i tempi di costruzione (altro fattore che incide sui costi), eliminando anche la variabile meteorologica che incide profondamente nel caso di una costruzione interamente in cantiere. Tempi di costrzione ridotti significano meno interessi da pagare per l'eventuale mutuo, ed eventualmente meno mensilità da pagare nel caso si viva in una casa in affitto.

L'ultimo punto è quello relativo alla durata delle case in legno, ed alla quantità di manutenzione richiesta. In paesi come l'Australia ci sono interi villaggi di fine ottocento con case interamente costruite in legno, e non certo con le tecniche ed i materiali moderni, che sono tutt'ora in perfetto stato di manutenzione e regolarmente abitabili. Il legno del resto è una delle materie prime più resistente all’aggressività degli agenti atmosferici, anche in condizioni climatiche estreme come testimoniano le costruzioni in legno presenti in zone geografiche con clima completamente diverso, come il freddo Canada e la calda Australia.



comments powered by Disqus