Il sistema costruttivo Prontocasa a Technodomus 2010

21 aprile 2010
Il sistema costruttivo Prontocasa a Technodomus 2010


Clicca per ingrandire
Prontocasa è un sistema costruttivo per case prefabbricate in legno e calcestruzzo pensato per valorizzare le differenti figure professionali locali nel territorio in cui si decide di costruire, e che vede l'edificazione di immobili multipiano i cui elementi di base della struttura sono pareti e solai in legno e calcestruzzo.

Si tratta in pratica di un sistema di costruzione misto, con una struttura prefabbricata in legno realizzata in Italia, mentre le opere di completamente vengono poi realizzate nell'arte della tradizione. L'idea è arrivata dalla rivista Arealegno, che ha sviluppato l'idea fin dal lontano 1976.

"Con il ProntoCasa abbiamo l'effetto di scatolarità di buon compattamento dei vari piani che si legano utilizzando getti interni dotati di armature metalliche" afferma Giovanni Cenci, "il tutto contenuto da una consistente “pelle” in legno che accetta anche finiture con materiali silicati tipici dell'arte muraria. Con questo sistema, si torna a riutilizzare certe figure professionali, tipiche di un tempo, rispettose  di materiali, prodotti e semilavorati locali e nazionali. Il nuovo modello ProntoCasa è un blocco unifamiliare a quattro piani. Sotto il profilo del risparmio energetico è una sorpresa perché è già di classe B e adottando provvedimenti che sfruttano le energie rinnovabili ottiene la classe A”.

Alla base del progetto Prontocasa c'è il tentativo di evitare l'utilizzo massiccio di manufatti provenienti dall’estero, trascurando i saperi degli operatori italiani da sempre espressione di eccellenze nel comparto delle costruzioni.

Per dare un esempio di cosa sviluppa il ProntoCasa al padiglione C1 della Fiera Technodomus 2010 è stata allestita una parete di tre piani per un'altezza di circa 10 metri.

Nel corso del convegno è stato illustrato anche il GiuntoItalia formato da stuoie di Polyevery (stuoia di vetro, stuoia di carbonio e nastro in carbonio) un’alternativa al giunto incollato con gli inserti in lamiera. Rappresenta un supporto che valorizza e rispetta le caratteristiche del legno in ambito strutturale. Sabrina Cenci elenca i vantaggi del GiuntoItalia: “Precisione di esecuzione; minima ampiezza della fresata e di conseguenza certezza nel consumo di adesivo epossidico per il completamento del giunto; spessore dell’inserto esiguo; leggerezza del materiale; costi competitivi”.




comments powered by Disqus