Casa Libella, un esempio concreto di casa prefabbricata

09 agosto 2011
Casa Libella, un esempio concreto di casa prefabbricata

Casa Libella, un esempio concreto di casa prefabbricata

Casa Libella, un esempio concreto di casa prefabbricata


Clicca per ingrandire
Casa Libella è uno dei costruttori di case prefabbricate che vanta particolare attenzione allo stile mediterraneo, producendo abitazioni confortevoli e dall'estetica tradizionale. Molti però sono ancora titubanti quando sentono parlare di casa in legno, ed è per questo che l'azienda sta cercando di diffondere quante più informazioni possibili per sfatare alcuni dei miti su questo tipo di costruzione.

In questo caso vi mostriamo una villetta unifamiliare energeticamente autonoma realizzata da Casa Libella, che permette di presentare gli standard operativi dell'azienda.

Un involucro a prova di parametri CasaClima, impianto fotovoltaico sul tetto, riscaldamento a pavimento, ventilazione meccanica controllata e spazi creati su misura secondo le richieste del committente per questa villetta unifamiliare su due piani. La casa è stata progettata su misura per il cliente, ma la costruzione utilizza un metodo di lavoro standardizzato, per garantire sempre strutture realizzate per superare senza alcun problema i test di certificazione per l’attribuzione della classe A secondo la classificazione CasaClima.

Le pareti che Casa Libella ha scelto di utilizzare per questa abitazione, così come la pavimentazione, il pacchetto di copertura e i serramenti in PVC con triplo vetro, assicurano un involucro esterno capace di creare valori di trasmittanza e sfasamento termico che rispondono pienamente ai requisiti CasaClima classe A.

Ogni vano è dotato di prese per ventilazione meccanica controllata, in maniera tale da garantire una purificazione costante dell’aria di tutta l’abitazione: l’aria e i vapori viziati da cucina e dei bagni (locali caldi), vengono raccolti e convogliati alla macchina di ventilazione dove cedono il proprio calore al flusso di aria pulita in entrata dall’esterno e destinata al ricircolo interno alle stanze.

La casa inoltre è energeticamente autosufficiente: l’impianto fotovoltaico montato sulla falda a sud dell’abitazione è stato progettato per garantire una produzione di energia capace di coprire, oltre ai consumi domestici ordinari, sia il fabbisogno energetico generato dalla pompa di calore che provvede al riscaldamento dell’acqua calda ad uso sanitario e per l’impianto radiante a pavimento, che quello generato dall’impianto di ventilazione meccanica e dalla piastra cucina ad induzione.
 
Dal punto di vista architettonico la villetta si struttura su pianta pressoché quadrata, articolandosi su due piani. La regolarità della forma è variata dalla presenza di due tettoie laterali destinate una ad autorimessa, l’altra pensata, invece, per diventare un salottino all’aperto direttamente raggiungibile dalla cucina.

Il piano terra ospita la zona giorno: cucina abitabile e un ampio soggiorno, separati da una doppia porta scorrevole, in modo da consentire di avere un unico ampio vano o due zone distinte a seconda delle necessità. Sempre al piano terra si trovano il bagno zona giorno e un’ampia lavanderia che ospita inverter e contatori dell’impianto fotovoltaico, oltre alla pompa di calore che alimenta il sistema di riscaldamento.

Una scala a vista collega la zona giorno alla zona notte, che comprende bagno accessoriato con vasca e piatto doccia e tre camere, di cui due si affacciano su un terrazzino calpestabile.




comments powered by Disqus