Costruire case prefabbricate con colla invece che chiodi

03 luglio 2013
Costruire case prefabbricate con colla invece che chiodi


Clicca per ingrandire
Nastri adesivi speciali potrebbero diventare presto un'alternativa veloce ed efficiente ai chiodi per l'assemblaggio di case prefabbricate in legno. L'assemblaggio è solitamente molto veloce, perchè i vari elementi di una casa prefabbricata sono costruiti in fabbrica e consegnati al cantiere, ma la necessità di utilizzare chiodi comporta limiti allo spessore ed alla forma dei giunti delle pareti.

La possibilità di utilizzare adesivi speciali permetterebbe di offrire molta più flessibilità a progettisti e designer, ed anche se l'uso di colle esiste già, non si tratta di una modalità molto diffusa ancora, soprattutto per la necessità di riscaldare il materiale o attendere diverse ore per far prendere l'adesivo.

Ma al Fraunhofer Institute for Wood Research, Wilhelm-Klauditz-Institut di Braunschweig hanno messo a punto un metodo alternativo insieme ai colleghi dell'Institute of Joining and Welding alla Technische Universität Braunschweig.

"Abbiamo sviluppato un nastro adesivo che prende in meno di un minuto ed è in grado di offrire un'adesione affidabile e duratura" commenta il dottor Andreas Zillessen. Il nastro adesivo attacca "a comando", il che significa che non c'è fretta di stenderlo ed unire i materiali.

Diversamente dai normali nastri adesivi, questo non è solamente composto da un materiale di supporto ed una colla, ma ha anche un suo sistema di riscaldamento. Si tratta di una striscia di metallo coperta di adesivo su entrambi i lati; per unire due pezzi di legno, si piazza il nastro adesivo in posizione, si uniscono le due parti da incollare e poi si fa passare una corrente elettrica attraverso la lamina di metallo, che scaldandosi fa attaccare la colla. Per adesso il processo impiega circa un minuto, ma l'obiettivo è di renderlo ancora più breve.

La sfida principale è trovare una colla in grado di attaccare con la stessa forza sia a legno che a metallo (la lamina di metallo ovviamente rimane al suo posto dopo essere servita per scaldare la colla), e per adesso si lavora anche sul metallo ideale da utilizzare, ma la tecnologia sembra molto promettente e nel giro di pochi mesi si dovrebbe passare ad un'applicazione commerciale con l'azienda ntedesca Schwörer.




comments powered by Disqus