Case prefabbricate con pareti innovative in legno di bioHabitat

06 settembre 2008
Case prefabbricate con pareti innovative in legno di bioHabitat


Clicca per ingrandire

I caratteri distintivi delle case realizzate da bioHABITAT si devono alla tipologia e alla filosofia costruttiva che ne determinano la stabilità, la sicurezza antincendio, la sicurezza sismica, l’isolamento termo-acustico e la protezione dalle onde magnetiche, superando i valori di riferimento qualitativo non solo delle strutture in muratura, ma anche di quelle delle comuni case in legno.

La chiave del successo è la struttura delle pareti, fatte esclusivamente di legno massiccio, suddiviso in più strati (verticali orizzontali e diagonali) per formare lo spessore voluto. Gli strati garantiscono una controventatura perfetta e sono uniti tra loro da cavicchi (detti anche tasselli o pioli) di legno, senza l’uso di chiodi e di colle. Il legno viene essiccato per almeno 8 mesi, prima in modo naturale all’aria aperta, poi nei forni, fino ad ottenere un’umidità interna del 12% ca.

I cavicchi, in legno di faggio, vengono essiccati molto di più del legno delle pareti e poi inseriti con una pressione di 30 atmosfere in un foro più piccolo del tassello stesso. Tale procedimento fa si che, assorbendo l’umidità dell’aria circostante, il cavicchio, si gonfi, rimanendo in tal modo immobilizzato come se fosse un ramo cresciuto naturalmente all’interno delle tavole.

In una casa costruita in modo tradizionale sono spesso presenti materiali che contengono sostanze tossiche; tali sostanze, pur non compromettendo direttamente la salute, possono determinare molti problemi, quali allergie e intolleranze, a causa dell’evaporazione dei collanti e dei solventi utilizzati.

Valori come il benessere psicofisico e la sicurezza, non rientrando nei canoni tecnici, non possono essere direttamente misurati; ciononostante, la filosofia costruttiva di bioHABITAT li considera prioritari e ne tiene conto nella progettazione, perché “salute” non è semplicemente sinonimo di “non avere malattie”.

Tale filosofia si traduce nell’impiego di materiali naturali, senza uso di colle e solventi. Recenti studi inoltre dimostrano che alcune specie utilizzate nelle costruzioni possono migliorare le condizioni psicofisiche degli abitanti sia durante le normali attività quotidiane che durante il riposo. Č il caso ad esempio del legno di cirmolo (pino cembro), che, grazie alla presenza degli olii essenziali tipici delle specie resinose, con proprietà rilassanti, abbassa la frequenza del ritmo cardiaco. Il risparmio medio sull’attività del cuore si aggira attorno a 3500 battiti, che corrispondono ad un’ora di attività cardiaca al giorno.

Perchè una parete senza colle e senza chiodi?

La traspirazione di un involucro abitativo è fondamentale per un microclima sano all’interno della casa. Se la condensa e l’umidità che si formano non escono verso l’esterno, ma vengono assorbite e bloccate dalle pareti, si crea, grazie anche al riscaldamento, un ambiente ideale per la formazione di batteri e muffe. Se le pareti non traspirano, l’umidità che si forma fa si che la trasmissione del calore avvenga molto più velocemente rispetto ad una parete che traspira.

Se costruiamo una CasaClima A che non traspira, con il tempo diventerà una CasaClima B o peggio, perché l’umidità nella struttura aumenta la dispersione del calore. Questo problema riguarda gran parte delle strutture in muratura con intonaco e tinteggiature non traspiranti, come pure le case di legno, qualora siano stati usati materiali che non consentono la traspirazione. Ad esempio, nelle strutture di legno con pannelli ad assi incollate, un solo strato di colla arriva bloccare l’80% della traspirazione.

Il sistema a pioli invece, garantisce una dispersione di calore minima in rapporto alla quantità di traspirazione.

Traspirabilità

L’albero è il padrone della statica con assoluta eccellenza in ingegneria. La flessibilità e l’elasticità del legno permettono di realizzare costruzioni ardite; con le pareti Twood bioHABITAT si possono costruire edifici fino a 10 piani.

Statica

L’abitazione si riscalda velocemente perchè le variazioni di temperatura sulle pareti interne avvengono molto velocemente mentre la dispersione di calore è minima perchè all’interno dei muri la variazione di temperatura avviene molto lentamente. Le case saranno dunque calde d’inverno e fresche d’estate grazie alla loro massa termica che funziona come un impianto di aria condizionata naturale, determinando il benessere termico dell’abitazione.

Se in una casa bioHABITAT spegniamo il riscaldamento quando la temperatura interna è di 20°C e quella esterna di -10°C, la temperatura interna alla casa scenderà a 0°C in 227 ore, mentre una struttura in muratura con il medesimo valore U si raffredderà molto più rapidamente (73 ore). Č evidente quindi che una casa bioHABITAT non solo garantisce il benessere termico, ma permette anche di conseguire un notevole risparmio (fino all’80%) sui costi di riscaldamento.

Isolamento termico

Le moderne tecnologie di telecomunicazione, che hanno determinato tra l’altro la diffusione di telefoni cellulari e di sistemi wireless, fanno si che nella gran parte delle nostre abitazioni siano presenti radiazioni ad alta frequenza, di cui ancora non si conoscono a fondo le conseguenze per la salute.

Il metodo di costruzione ad assi incrociate blocca le onde sonore, garantendo un isolamento acustico eccellente dell’abitazione e agisce da filtro contro le radiazioni abbattendo fino al 99% quelle ad alta frequenza.

Isolamento acustico / Elettromagnetico

Test specifici condotti in Giappone hanno dimostrato che le case costruite con pareti di questo tipo resistono a fenomeni sismici di magnitudo pari a 8 - 10 gradi della scala Richter. Ogni singolo cavicchio di legno, grazie alla sua flessibilità, riesce a compensare in parte le forze delle onde orizzontali del terremoto mantenendo protette le giunture delle pareti, al contrario delle strutture rigide che cedono ai giunti, mettendo in pericolo la struttura completa.

Sismica

In caso di incendio il legno si carbonizza soltanto esteriormente mantenendo sicura la struttura interna, a differenza di altri materiali come l’acciaio o il calcestruzzo che con il calore collassano. L’assenza di ossigeno negli strati costituitivi del muro fa si che questo bruci solo esternamente. I pioli di legno al suo interno non bruciano, non cedono a differenza del sistema a chiodatura. Oltretutto, essendo i muri completamente privi di colle o sostanze sintetiche, anche la combustione della superficie esterna non genera lo sviluppo di pericolosissimi gas tossici.

I muri realizzati con sistema a cavicchi vengono prodotti da bioHABITAT nel proprio stabilimento di Folgaria (TN); bioHABITAT, unico produttore in Italia, fa parte di un Consorzio di ditte europee e americane che collaborano sotto il continuo e severo controllo della casa-madre svizzera TWOODs, proprietaria del brevetto.

Maggiori informazioni:
bioHABITAT

Località Prà Grande di Carbonare - 38064 FOLGARIA (TN)
Telefono e Fax 0445-365739
e mail: info@biohabitat.it
www.biohabitat.it




comments powered by Disqus