Hoasis, la domotica entry level di BPT

17 maggio 2006
Hoasis, la domotica entry level di BPT


Clicca per ingrandire
Sognate una casa confortevole, comoda, da vivere al meglio, possibilmente con l’ausilio di nuovi prodotti tecnologici, non solo belli esteticamente ma semplici da utilizzare? Se questo vi sembra impossibile ... da oggi, grazie a Bpt e alla sua gamma domotica, il sogno diventa realtà.

Design, tecnologia a misura d’uomo e flessibilità di utilizzo sono le caratteristiche peculiari di Hoasis, sistema tecnologico dotato di un terminale touch screen semplice e molto agevole, che utilizza un’interfaccia grafica studiata, intenzionalmente, per farne un oggetto di facile utilizzo.

Hoasis è un vero e proprio sistema, che rende automatici ed intelligenti i tradizionali dispositivi di comando (pulsanti, interruttori, sensori, ecc.) permettendone un uso intuitivo e personalizzabile. Con un semplice tocco sul terminale di Hoasis, è possibile gestire scenari pre-impostati (a discrezione dell’utente) e “interagire con l’abitazione” accedendo ad ogni singolo servizio elettrico collegato.

Un po’ di fantasia e … qualsiasi cosa, che prima sembrava impensabile, diventa bisogno immediatamente soddisfatto: “posso creare un sistema di irrigazione senza dover realizzare una centrale dedicata?”, oppure “posso realizzare un sistema di illuminazione in grado di accendersi e spegnersi da solo ad orari prestabiliti, senza installare ulteriori timer ?”

Hoasis risponde ad applicazioni semplici ed esaudisce esigenze che normalmente troverebbero risposta solo con la realizzazione di singoli impianti, ognuno dei quali personalizzabile o in interazione con gli altri (e i costi?!); oppure con l’applicazione di sistemi “invasivi”, che richiedono spesso interventi di sostituzione anche dei dispositivi elettrici esistenti.

Il funzionamento di Hoasis è così semplice da sembrare incredibile: è sufficiente un unico bus, un unico cablaggio per connettere tutti i dispositivi di interfaccia. La programmazione e la modifica dei parametri di funzionamento del sistema si effettua direttamente dal terminale e non vi è alcuna necessità di aprire scatole di derivazione, spostare fili, modificare le installazioni esistenti …

Flessibilità, utilità e comodità, grazie a Hoasis, si sposano con notevole risparmio energetico. Infatti, per mezzo di moduli di controllo della temperatura, il terminale è in grado di gestire anche il riscaldamento ed il raffrescamento dell’ambiente fino ad 8 zone termiche.
Massima flessibilità: per ogni zona la temperatura può essere impostata su 3 livelli, per ogni ora del giorno e per ogni giorno della settimana.

Che meraviglia! Grazie all’inesauribile esperienza di Bpt, da sempre leader indiscusso nel settore della termoregolazione, La temperatura sarà sempre ideale in ogni zona, secondo le vostre esigenze e, soprattutto senza inutili sprechi energetici.

Tutta la gestione delle automazioni elettriche e delle termoregolazioni avviene attraverso il terminale, con il quale è possibile copiare impostazioni per zone diverse, giorni successivi o, ad esempio, passare dall’ora legale a quella solare in automatico. Sono molte, molte altre, le piccole esigenze di automazione realizzate dal sistema domotico HOASIS.

Tutto questo è possibile per merito di una soluzione tecnica all’avanguardia applicata da Bpt a questo prodotto: il tipo di bus utilizzato, con il suo cablaggio a doppino twistato non polarizzato, permette la rapida connessione di tutti i moduli d’interfaccia creati appesitamente per Hoasis. Ai dispositivi di sistema si connettono, sia tutti i comandi provenienti da pulsanti e sensori, sia le attuazioni verso carichi elettrici e motori; poichè si tratta di apparecchi miniaturizzati, essi trovano posto nelle comuni scatole di derivazione e si adattano ad ogni dispositivo elettrico.

La domotica è nata per facilitare le giornate ed evitare fatiche e preoccupazioni aggiuntive. HOASIS vi fornisce i mezzi, a voi il compito di adattarlo alle vostre esigenze!

Maggiori informazioni su Hoasis:
http://www.bpt.it




comments powered by Disqus