Scaldacqua a pompa di calore Nuos di Ariston

20 aprile 2010
Scaldacqua a pompa di calore Nuos di Ariston


Clicca per ingrandire
Gli scaldacqua a pompa di calore sono prodotti poco conosciuti in Italia, anche per un uso diffuso del gas in ambito urbano. Per chi abbia ancora uno scaldabagno elettrico, la sostituzione con un impianto a pompa di calore può portare enormi vantaggi, non solo dal punto di vista del risparmio energetico.

Nuos di Ariston è appunto uno scaldabagno (o scaldacqua) a pompa di calore, presentato alla mostra convegno Expoconfort 2010 nelle versioni Nuos 80, 100 e 120 litri. Nuos utilizza il calore dell'aria per riscandare l'acqua, con una tecnologia analoga a quella dei condizionatori o dei frigoriferi, con un fluido refrigerante che una volta compresso e decompresso riscalda l’acqua sanitaria fino ad una temperatura di 55°C.

Nel caso la temperatura scendesse al di sotto dei 10 gradi, soglia sotto la quale la pompa di calore non riesce a funzionare correttamente, una resistenza elettrica di supporto entra in funzione per garantire comunque l'erogazione di acqua calda. Inoltre lo scaldacqua Nuos garantisce la massima sicurezza attraverso l’attivazione automatica della funzione antilegionella, che consente di purificare l’acqua sanitaria da eventuali batteri. Il gas ecologico utilizzato è l’R134A, che assicura elevati rendimenti grazie alle sue particolari caratteristiche termodinamiche.
 
Il tutto si concretizza in un risparmio energetico che arriva fino al 70% rispetto agli scaldabagno elettrici. Inoltre Nuos garantisce una grande flessibilità nell'installazione, permettendo di canalizzare l’aria fredda prodotta dalla pompa di calore verso l’esterno o all’interno di locali da raffreddare nei periodi estivi, come ad esempio cantine e vani abitativi. In generale, la miglior installazione della pompa di calore è in locali tecnici in cui sono presenti perdite di calore dovute all’utilizzo di apparecchi come caldaie, frigoriferi e lavatrici, dove massimizza la sua funzione di recuperatore di calore.



comments powered by Disqus