Cavo scaldante Raychem: calore e benessere in ogni stagione

27 settembre 2010
Cavo scaldante Raychem: calore e benessere in ogni stagione


Clicca per ingrandire
Nelle tubazioni, nelle grondaie, nelle rampe di accesso esterne, nei marciapiedi o nei pavimenti. Sono soltanto alcune delle possibili applicazioni dei cavi scaldanti Raychem, distribuiti sul mercato italiano da Accomandita Tecnologie Speciali Energia. Si tratta di una tecnologia che garantisce affidabilità, risparmio energetico e soluzioni d’avanguardia, visto che è in grado di autoregolarsi in funzione della temperatura ambientale.

A bassa temperatura, le particelle di grafite che si trovano all’interno del cavo, formano tanti collegamenti in parallelo tra i due conduttori. Quando si applica tensione, il passaggio di corrente genera calore. Man mano che la temperatura si alza, il nucleo polimerico a livello microscopico comincia ad espandersi, rompendo i collegamenti in grafite tra i conduttori di rame. Ne consegue un aumento della resistenza elettrica del cavo ed una diminuzione dell’assorbimento di energia, fino al raggiungimento di un equilibrio termico. Un processo reversibile, che garantisce un risparmio energetico scongiurando il rischio di surriscaldamento del cavo, in quanto riduce automaticamente la sua potenza quando la temperatura richiesta è raggiunta, ottimizzando i consumi.

Molteplici i vantaggi del cavo Raychem: può essere tagliato alla lunghezza desiderata, è alimentato a 230 V senza necessità di trasformatori, può essere sovrapposto a sé stesso in tutta sicurezza, senza rischio di punti surriscaldati, è caratterizzato da una grande facilità di montaggio.

Il cavo Raychem è impiegato per prevenire la formazione del gelo nell'acqua delle tubazioni e di grossi cumuli di neve in grondaie e pluviali, oppure, affogato nel cemento, per impedire la formazione di ghiaccio su rampe d'accesso, scale, marciapiedi e piazzali. Può anche essere utilizzato per il mantenimento di temperature confortevoli in pavimenti d'interno (bagni, uffici, ingressi).



comments powered by Disqus