Pompa di calore Aquarea Panasonic, alternativa efficiente alle caldaie a gas

28 gennaio 2013
Pompa di calore Aquarea Panasonic, alternativa efficiente alle caldaie a gas


Clicca per ingrandire
Le pompe di calore ad aria sono una realtà diffusa da anni in nazioni come l'Australia, dove il governo le ha anche incentivate con una sorta di rottamazione dei vecchi scaldabagni elettrici. Abbinate ad un serbatoio isolato termicamente da alcune centinaia di litri, possono essere incredibilmente efficienti nel produrre acqua calda sanitaria per tutta la famiglia, e quelle di maggiore capacità possono agevolmente supportare un impianto di riscaldamento.

Personalmente ne ho installate due con serbatoio da 340 litri per fornire acua calda a cucina e bagni, ed il consumo di corrente elettrica è assolutamente trascurabile con inoltre il vantaggio di poter riscaldare velocemente l'acqua anche una volta esaurito il serbatoio: la Quantum 340L da 1 kW scalda 75 litri l'ora con una temperatura ambiente di 20 gradi, ma il serbatoio di grande capacità è più che sufficiente per i normali bisogni di una famiglia.

Le pompe di calore ad aria utilizzano il calore dell'aria facendolo assorbire da un gas refrigerante, gas che viene poi compresso facendone aumentare la temperatura e portandolo allo stato liquido. Il liquido così riscaldato passa poi attraverso uno scambiatore di calore che riscalda l'acqua del serbatoio. Il gas, che ha perso temperatura a questo punto, viene fatto di nuovo evaporare ricominciando così il ciclo.

L'efficienza sta nel fatto che la corrente elettrica non viene utilizzata per riscaldare l'acqua, ma solamente per alimentare il compressore e le ventole. Ovviamente 1 kW non è sufficiente per alimentare un impianto di riscaldamento, ma in Italia è adesso disponibile la nuova gamma di pompe di calore Panasonic Aquarea, con due versioni rispettivamente da 3 e 5 kW. Gli impianti Aquarea sono basati su un sistema aria/acqua a pompa di calore che garantisce risparmio economico ed ingombro ridotto, con l'obiettivo di sostituire anche le caldaie a gas. L'acqua calda generata dalla pompa di calore può alimentare sia sistemi a bassa temperatura (a pavimento) o normali radiatori ad alta temperatura.

I nuovi modelli Aquarea 3/5 kW sono disponibili nella versione "solo caldo" e "caldofreddo". Il ciclo di refrigerazione brevettato da Panasonic e il controllo di flusso sono stati combinati con un modulo ad alta efficienza inverter e uno scambiatore di calore in grado di fornire alte prestazioni energetiche. Il modello Aquarea da 3.2kW raggiunge un COP (coefficient of performance) di 5 a temperature di 7 gradi centigradi ed è capace di mantenere la capacita nominale e l'efficienza anche a temperature esterne che raggiungono i -15 gradi C.

In combinazione con il nuovo serbatoio HR200 Panasonic, le unita da 3/5 kW forniscono acqua calda a 55 gradi C, anche con temperature esterne sino a -15gradi C. Per facilitarne l'installazione nei condomini, particolare attenzione è stata rivolta alla silenziosità della pompa di calore, con 47/48dB di rumorosità massima.

Panasonic stima una riduzione dei costi fino al 48% rispetto alle tradizionali caldaie a gas, a cui si deve aggiungere il risparmio del canone mensile per il noleggio del contatore a gas.



comments powered by Disqus