Venecia, stufa a pellet, nocciolino e gusci di mandorle e nocciole da Ecoforest

19 settembre 2013
Venecia, stufa a pellet, nocciolino e gusci di mandorle e nocciole da Ecoforest


Clicca per ingrandire
Ecoforest ha presentato Venecia, una stufa a pellet che può essere alimentata anche con nocciolino di oliva, gusci di mandorle e nocciole con una potenza massima di 14 KW. E’ l’unica che può davvero funzionare a policombustibile (pellet, nocciolino di oliva, gusci di mandorle e di nocciola), regolando l’ingresso della quantità di pellet ed aria necessarie per una combustione efficiente ad ogni livello di funzionamento, con minime emissioni di incombusti e con una fiamma omogenea e costante.

Le stufe ad aria canalizzabile sono pensate per diffondere l’aria calda mediante attraverso condotti posizionati nei diversi ambienti della casa, arrivando ad ottenere una piacevole sensazione di comfort più omogenea in tutta l’abitazione.
E’ un nuovo concetto di fuoco che combina disegno, calore e comfort in un solo prodotto che garantisce un’affidabilità tecnica superiore a quella di qualsiasi altro prodotto similare. Il controllo della combustione Ecoforest massimizza l’utilizzo del combustibile, trasferendo all’aria l’energia bruciata grazie ad uno scambiatore autopulente ad alta efficienza.

Il punto forte della stufa è la scheda elettronica completamente autoregolante; anche cambiando il tipo di pellet non necessita di alcun intervento tecnico ma fa tutto automaticamente tenendo costantemente perfezionata la combustione.

Il focolare realizzato in ghisa garantisce solidità e lunga durata, ma soprattutto migliora lo sfruttamento del calore.

Venecia è dotato di V.C.S. (Vacuum Cleaning System), un innovativo  sistema di pulizia del vetro attivo tramite una pellicola d’aria fredda che scivola sulla superficie interna del vetro.

La stufa è silenziosa, la sonda ambiente controlla la modulazione della stufa in funzione della temperatura ambiente desiderata.

la stufa Venecia è disponibile nera o bambù.




comments powered by Disqus