Cucine a legna J.Corradi: cucinare e riscaldare la casa in modo naturale

26 gennaio 2015
Cucine a legna J.Corradi: cucinare e riscaldare la casa in modo naturale

Cucine a legna J.Corradi: cucinare e riscaldare la casa in modo naturale

Cucine a legna J.Corradi: cucinare e riscaldare la casa in modo naturale


Clicca per ingrandire
J.Corradi ha presentato quattro nuove linee di cucine a legna, una soluzione tradizionale riproposta in chiave moderna che permette massima flessibilità in cucina riscaldando allo stesso tempo la casa in modo naturale.

La cucina a legna permette di riscoprire antiche tecniche di cottura scaldando la stanza in cui è installata, oppure l’intera casa, utilizzando il combustibile più economico ed ecologico in natura: la legna. Ma le cucine a legna J.Corradi sono dei fantastici oggetti che vantano una linea davvero speciale, oltre a soluzioni tecnologiche come la doppia alimentazione a legna ed a gas/elettricità così da poterle usare senza difficoltà anche nelle calde giornate estive.

J.Corradi ha scelto spessori importanti per tutte le componenti in metallo, che sono sempre in acciaio inossidabile, fusioni di ghisa oppure ottone, cromato o anticato, per la massima resistenza all'uso. I focolari devono essere profondi e rivestiti di un refrattario della massima qualità, per controllare al massimo la combustione ed evitare di effettuare continue ricariche di legna.

Le cucine J.Corradi esistono nelle varianti solo legna (L), combinate a legna, gas, elettrico (LGE), oppure solo gas/elettrico (GE).

I modelli L e LGE nascono per riscoprire le antiche tecniche di cottura a legna, che regalano ad ogni pietanza gusti e sapori assolutamente impareggiabili rispetto alla cottura a gas o con strumenti  elettrici. La robusta piastra in ghisa radiante, posizionata direttamente sopra l’ampio braciere, ha uno spessore importante (8 millimetri), e questo gli consente di mantenere la temperatura più a  ungo, perfino quando la fiamma è ormai spenta. Sugli anelli, dove la temperatura è più alta, si possono effettuare le cotture più rapide, mentre sui lati il calore è diffuso, perfetto per le cotture  ente, come i risotti, i brasati, le salse. Una vasca per l’acqua calda è fornita come optional, per avere un liquido alla giusta temperatura sempre a disposizione mentre si cucina.

Il forno a legna ha dimensioni generose (58 o 45 litri) ed è rivestito di materiali refrattari di altissima qualità, per mantenere la temperatura interna costante ed omogenea. La temperatura interna  si può controllare attraverso il termometro posto frontalmente, mentre, nel modelli predisposti, è possibile anche regolare l’intensità del fuoco attraverso una pratica manopola che aumenta o  diminuisce la quantità d’aria presente nel braciere. Con braci e fiamma vive si raggiunge la temperatura ideale per cuocere pane e pizze, mentre con fiamma moderata o addirittura a braci spente, è  possibile portare a cottura le pietanze che hanno bisogno di tempi lunghi e temperature più dolci, come arrosti, verdure, torte. Sono disponibili guide estraibili come optional per tutti i modelli.

Le cucine combinate (LGE) e a gas/elettrico (GE) includono elettrodomestici progettati appositamente da J.Corradi (nel modello Neos è possibile integrare a piacimento anche elettrodomestici di altri  produttori). Permettono di sperimentare le tecniche di cottura più diverse e di utilizzare il prodotto tutto l’anno, estate compresa. Dai forni (statico da 45 litri e multifunzione da 84 o 53 litri) ai piani cottura a gas ed elettrici (piano vetroceramico, piano ad induzione, piano barbecue, piano fry-top), tutti i materiali sono di prima qualità per garantire praticità d’uso e lunga durata nel tempo.

I piani cottura gas o elettrici prevedono diverse combinazioni per soddisfare le più disparate esigenze d’uso.

Usare la cucina a legna per riscaldare la casa

Per quanto riguarda il riscaldamento ecosostenibile, le cucine J.Corradi sono in grado di riscaldare piacevolmente la stanza in cui sono installate e, nella versione Thermo, possono anche produrre acqua calda per i termosifoni di tutta la casa o per l’impianto di riscaldamento a pavimento.

I materiali refrattari di alta qualità ed il preciso controllo della combustione consentono rendimenti davvero interessanti, fino al 78-80%. In questo modo, anche i modelli più piccoli da 60 cm possono riscaldare una stanza di circa 70 metri quadri, mentre i più grandi in versione “thermo” arrivano a 200 metri quadri. Il focolare, particolarmente profondo (40-50 cm), permette di inserire anche ciocchi di legna di grandi dimensioni ed è progettato per sfruttare al meglio la cosiddetta tecnica del “fuoco continuo”. La cucina, infatti, può continuare a scaldare per lungo tempo senza bisogno di continue ricariche e le braci restano accese fino ad oltre 6 ore dall’ultima carica.




comments powered by Disqus