Bioenergy, Bioeconomy, Bioarchitettura: sviluppare futuro attraverso soluzioni progettuali intelligenti a basso impatto ambientale

24 ottobre 2010
Bioenergy, Bioeconomy, Bioarchitettura: sviluppare futuro attraverso soluzioni progettuali intelligenti a basso impatto ambientale


Clicca per ingrandire
Ritorna anche quest'anno l'appuntamento con l'Europa Symposium, vertice europeo per una edilizia sostenibile ed ecocompatibile.

Il convegno, giunto oggi alla sua 19^ edizione, sarà dedicato allo sfruttamento delle fonti energetiche rinnovabili e ai sistemi tecnologici e progettuali per il risparmio energetico e la Bioarchitettura.
Progettisti, scienziati, ricercatori, politici, personaggi tra i più importanti della scena culturale europea potranno trovare qui occasione di incontro, di confronto, di verifica delle loro proposte ma anche sostegno e garanzia da parte di Aziende leader nell’ambito ecologico che hanno saputo legare il loro Logo e la loro immagine a questo Appuntamento internazionale.

Quest'anno, ospiti dell'Europa Symposium saranno, tra gli altri, Lucien Kroll, Architetto, urbanista e padre della Progettazione Partecipata, Richard Bödecker, noto paesaggista e botanico, Mario Cucinella, Sergio Los e Christian Schaller. La giornata sarà anche occasione per presentare sia i lavori del Laboratorio di Bioarchitettura incentrati sulla progettazione urbana di Oriolo Romano, che quelli elaborati per il risanamento energetico della Sede Generale INPS a Roma, elaborati durante il Master CasaClima-Bioarchitettura organizzato dall'Università LUMSA di Roma.

Il convegno è dedicato allo sfruttamento delle fonti energetiche rinnovabili e ai sistemi tecnologici e progettuali per il risparmio energetico e la Bioarchitettura.
Importanti indicazioni progettuali giungono da metodi e tecnologie sino a ieri sperimentali, oggi potenzialmente accessibili: è possibile produrre energia dal sole, dal vento, dalla geotermia attraverso impianti ad alto rendimento e facile applicazione. Risparmiare nella bolletta utilizzando materiali costruttivi biocompatibili non è più una utopia. Per la prima volta in Italia questo evento vede riuniti esperti specifici di notorietà internazionale su temi pressanti, diffusi, a cui si intende fornire indicazioni concrete, semplici ed effettivamente attuabili, superando quella cultura bioclimatica che, debitrice delle ricerche e delle applicazioni realizzate in ambito nordico, pone ancora l’accento sui problemi dell’isolamento termico e del recupero del calore. I temi sono incentrati sulla Bioarchitettura, intesa non come modello formale o semplice sommatoria di “tecnologie verdi”; ma come visione olistica dell’architettura che obbliga a confrontarsi con la specifica realtà, a scoprire con rinnovata sensibilità la continuità con la storia, le tradizioni, il paesaggio, da affrontare attraverso le nuove consapevolezze dell’eco-sostenibilità e della bio-compatibilità.

Così progettisti, scienziati, ricercatori, politici, personaggi tra i più importanti della scena culturale europea potranno trovare qui occasione di incontro, di confronto, di verifica delle loro proposte ma anche sostegno e garanzia da parte di Aziende leader nell’ambito ecologico che hanno saputo legare il loro Logo e la loro immagine a questo Appuntamento internazionale.
Se è molta la strada percorsa, tanto c’è ancora da fare. Come noto non tutti i materiali e le tecnologie risultano innocue per l’uomo e per l’ambiente, non sempre le risorse vengono utilizzate al meglio. Capita anche che la volontà di rinnovamento ed aggiornamento si scontri con ambiti di confusione e incertezza.

Storia
L’Europa Symposium, vertice europeo per una edilizia sostenibile ed ecocompatibile giunto oggi alla sua 19^ edizione, nasce ad Aaachen, Germania,  nel quadro dell’IBA Emscher Park, il più importante intervento di riqualificazione territoriale ed urbana mai prima tentato e portato al successo.
Al Symposium hanno aderito nel corso degli anni, spesso con sessioni multiple tenutesi nello stesso anno nei diversi Stati, i Governi di Danimarca, Olanda, Svezia, Belgio e per l’Italia la Regione Emilia Romagna, con il supporto scientifico ed organizzativo dell’Institut für Bauwesen e dell’Istituto Nazionale Bioarchitettura.

Bioenergy, Bioeconomy, Bioarchitettura
Sviluppare futuro attraverso
soluzioni progettuali intelligenti
a basso impatto ambientale
Bologna, Fiera SAIE, Gallery Hall Pad. 21-22
Sabato, 30 ottobre 2010, dalle 9.30 alle 18.00



comments powered by Disqus