L'ENEA per lo studio dei cambiamenti climatici e dei loro effetti

20 marzo 2007

L’analisi dei cambiamenti climatici e dei loro effetti è realizzata prevalentemente attraverso modelli previsionali che indicano le tendenze negli anni a venire. Il “Rapporto Stern” ha recentemente messo in evidenza gli effetti economici dei cambiamenti climatici.

“L’ENEA – sottolinea Luigi Paganetto – ha da tempo realizzato l’analisi sistematica sulla vulnerabilità delle aree costiere, sul dissesto idrogeologico, sulla desertificazione, sulla perdita di biodiversità, che consente di misurare sul territorio del nostro Paese gli effetti specifici del cambiamento climatico.  Non solo, ma anche di studiare  strategie di adattamento che consentono di contenere i danni e di intervenire con opportune politiche sugli impatti del cambiamento climatico, tenendone presente i suoi aspetti economici.”

L’ENEA propone una strategia di adattamento flessibile, attraverso la messa a punto di una “filiera di conoscenze integrate” tra differenti discipline, sia scientifiche che socio-economiche, in grado di modulare le risposte sulla base delle diverse esigenze che si manifestano sul territorio, con l’obiettivo di fornire strumenti per la pianificazione e gestione di interventi da attuare sul territorio, a fronte dei cambiamenti climatici attesi e dei relativi impatti.

L’ENEA presenta i risultati degli studi multidisciplinari sui cambiamenti climatici condotti nell’ambito di un’attività di ricerca ventennale, con particolare riferimento ai fenomeni in atto nel Mediterraneo e in Italia, mettendo in evidenza le attuali tendenze, gli scenari futuri, gli impatti registrati.

L’ENEA opera con lo stesso impegno anche sul fronte della “mitigazione” dei cambiamenti cliamatici attraverso la ricerca e l’innovazione sulle tecnologie necessarie a favorire un incremento dell’utilizzo delle fonti rinnovabili, a ridurre le emissioni di gas serra in atmosfera ed a migliorare l’efficienza energetica.




comments powered by Disqus