Congresso Mondiale sull'Energia a Roma: la Germania leader globale nel settore delle energie rinnovabili

10 novembre 2007

Il Congresso Mondiale sull'Energia riunisce i personaggi dell'industria energetica, comprese le nazioni produttrici e consumatrici, le organizzazioni internazionali e i rappresentanti delle industrie. L'agenzia per la promozione degli investimenti interni della Germania, Invest in Germany, sarà presente per evidenziare il continuo sostegno della nazione agli investimenti nel settore delle energie rinnovabili. Il congresso inizierà domenica, 11 novembre.

La Germania è uno dei principali partecipanti del mondo per quanto riguarda le energie rinnovabili. È il più grande mercato del fotovoltaico (FV), dell'energia eolica e del biodiesel e spera di essere la nazione numero uno nel settore delle energie rinnovabili per il 2020.

I dati recenti dimostrano che la Germania è nella direzione giusta per raggiungere questo obiettivo: nel 2006 l'industria delle energie rinnovabili ha prenotato vendite per quasi 23 miliardi di euro, guadagnato più di 6 miliardi di euro nelle esportazioni e accumulato investimenti per oltre 9 miliardi di euro.

La Germania dimostra che una combinazione tra innovazione industriale e decisioni politicamente intelligenti può conciliare i bisogni dell'ambiente con quelli dell'economia. La Legge sulle Energie Rinnovabili del 2000 ha aiutato a trasformare la Germania nella sede di molte aziende ai vertici nel settore dell'energia rinnovabile. Il "conto energia" ("feed-in tariff") della legge richiede alle aziende dei servizi pubblici di acquistare energia generata da fonti rinnovabili a un prezzo stabilito, al di sopra del prezzo di mercato, per un periodo di 20 anni.

Un ulteriore sviluppo legislativo è l'incoraggiamento verso nuovi investimenti. Per esempio, la General Electric (GE) ha recentemente annunciato che prevede di espandere le sue operazioni in Germania. Una ragione per questa decisione è l'iniziativa del governo tedesco Combined Heat and Power (CHP Riscaldamento e Energia Combinati). CHP si basa sul principio di usare un motore per il riscaldamento che produca sia elettricità che calore utile, diminuendo i costi energetici per l'utente finale e migliorando, così, l'efficienza energetica. Il governo tedesco ha annunciato, recentemente, che stava implementando la legislazione con lo scopo di raddoppiare la quota di CHP nella produzione di elettricità fino al 25% per il 2020. La corrispondente disponibilità di sovvenzioni agli investimenti e di sussidi dimostra che il sostegno del governo tedesco alle energie rinnovabili è al passo con i progressi nel settore.




comments powered by Disqus