Svizzera, Richiesti 15.000 certificati energetici in tre settimane

28 agosto 2009
Svizzera, Richiesti 15.000 certificati energetici in tre settimane


Clicca per ingrandire
Il certificato energetico cantonale degli edifici (CECE), che i proprietari di immobili possono richiedere dal 3 agosto 2009, attesta la qualità di una casa dal punto di vista energetico. Nell'ambito di un'azione di promozione della Confederazione, i primi 15'000 certificati corredati di un rapporto stilato da un esperto sono stati rilasciati per 200 invece di 1'200 franchi. L'azione è stata coronata da un gran successo: in tre settimane sono stati richiesti 15'000 certificati. Con l'esaurimento dello stock di certificati a prezzo ribassato, l'offerta della Confederazione può considerarsi conclusa.

In sole tre settimane i primi 15'000 CECE (e i loro rispettivi rapporti d'esperto) hanno trovato un acquirente. Per giorno lavorativo sono stati quindi richiesti in media 1'000 certificati (cfr. la tabella allegata per la distribuzione cantonale). L'azione di promozione della Confederazione, iniziata lo scorso 3 agosto, è così conclusa.

L'iniziativa CECE tuttavia continua! Anche in futuro i proprietari di immobili interessati potranno farsi rilasciare un certificato. Basterà contattare uno degli esperti dell'elenco pubblicato sul sito www.cece.ch che, in base alla situazione concreta, stabilirà il costo del CECE: tra i 400 e gli 800 franchi, a seconda delle raccomandazioni cantonali, rapporto complementare escluso.

Attestando in modo chiaro e trasparente la qualità di un edificio dal punto di vista energetico, i CECE sono particolarmente utili per i proprietari, nell'ambito di transazioni immobiliari o nelle relazioni con gli inquilini. Questi ultimi, poi, traggono vantaggio dalla chiarezza che i CECE apportano in merito alle fatture relative al consumo energetico. Il CECE è utile anche in previsione di risanamenti di immobili, indicando le migliorie possibili in materia energetica, sia che si tratti di impiantistica che dell'involucro abitativo.



comments powered by Disqus