Il gruppo Trevi entra nel settore delle energie rinnovabili

29 gennaio 2008
Negli ultimi mesi del 2007 è stata costituita la società Trevi Energy S. P. A. , capitale sociale Euro un milione, controllata al 100% da Trevi-finanziaria Industriale S. P. A. Con lo scopo di svolgere, per conto proprio o per conto terzi, attività di progettazione, ingegneria e sviluppo nel settore delle energie rinnovabili.

La costituzione di una società dedicata al settore delle energie rinnovabili è principalmente attribuibile alla volontà non solo di adattare a detto settore alcune delle tecnologie già sviluppate e collaudate nel core business (servizi e tecnologie per le fondazioni speciali, anche a mare) e nel drilling, ma anche alla volontà di maturare nuovi sistemi tecnologici appropriati e innovativi per un settore in prevedibile forte espansione futura.

Il Gruppo guarda, infatti, con interesse allo sviluppo del settore eolico, con particolare riferimento al segmento ofshore in cui le fondazioni speciali delle torri eoliche rappresentano un importante fattore critico e una delle principali componenti di costo.

L’esperienza del Gruppo Trevi nelle tecnologie di fondazione in mare e nell’industria metalmeccanica avanzata, ha spinto a partecipare ad alcuni progetti specifici per linea sinergica al nostro core business. In tal senso è già stato avviato, in accordo alla normativa vigente, l’iter amministrativo per l’ottenere specifiche autorizzazioni allo sviluppo di parchi eolici ofshore principalmente nel Sud Italia, dove la profondità dei fondali e le favorevoli condizioni di vento rappresentano un importante fattore critico di successo.

Nel medio termine il Gruppo valuterà l’ingresso in ulteriori segmenti degli impianti per fonti alternative, quali ad esempio quelli per la geotermia a bassa entalpia (riscaldamento per privati e industria) che siano ritenuti sinergici rispetto alle tecnologie e al know how sviluppati nel core business e nel settore drilling.

Storicamente il Gruppo Trevi ha evidenziato una forte propensione all’innovazione tecnologica e alle problematiche ambientali. Ne sono una recente testimonianza, i numerosi riconoscimenti alla linea Hh d’impianti di perforazione per le caratteristiche di safety e rispetto ambientale.
 
Il Presidente Davide Trevisani sottolinea “in qualche modo ci sentiamo come dieci anni fa’, quando decidemmo di intraprendere la strada del drilling; pur ritenendo fondamentale iniziare questa nuova sfida imprenditoriale con la dovuta prudenza, l’iniziativa ci coglie in un momento di crescita importante e robusta sia nel core business che nel settore drilling; siamo coscienti perciò di potere apportare positivamente al settore il know how e l’esperienza industriale maturata confrontandosi competitivamente con questo mercato fortemente in espansione creando valore nella realizzazione di campi eolici ”.


comments powered by Disqus