Il primo eco-edificio in Est Europa tutto solare

02 luglio 2008
Il primo eco-edificio in Est Europa tutto solare


Clicca per ingrandire

E' stato inaugurato in Ungheria un edificio ad emissioni zero ed a piena autosufficienza energetica, progettato interamente da Architetture Sostenibili, una societa’ di Palermo, sotto la supervisione del Politecnico di Milano e finanziato dal Ministero dell'Ambiente, del Territorio e del Mare per 1,75 milioni di euro.

La tecnologia italiana dunque esporta anche tecniche per il risparmio energetico: il Centro Congressi del Rec, che sorge a Szentendre a pochi chilometri da Budapest, è il primo eco-edificio a zero emissioni di tutta l’Europa centro orientale ed il terzo nel mondo.

“Questa cooperazione ambientale" ha dichiarato Corrado Clini, Presidente del REC e Direttore generale del Ministero dell’Ambiente del Territorio e del Mare, "costituisce un’opportunità per la crescita economica e sociale secondo un modello di sviluppo sostenibile dei paesi dell’ Europa centro orientale, che soffrono ancora di un grave deficit ambientale. Il centro rappresenta un modello di edificio eco-intelligente che utilizza materiali e tecnologie ad alta efficienza energetica ed ambientale e puo’ quindi divenatare uno strumento di promozione per le tecnologie e le progettazioni italiane".

I lavori sono iniziati nel 2005, e la eco-ristrutturazione a cui è stato sottoposto l'edificio e’ un esempio di eccellenza per l’architettura eco-compatibile ed una vetrina di ciò che si può fare, in campo edilizio, dal punto di vista ambientale.

L'edificio si alimenta con la sola energia solare, ed è dunque a consumo zero, così come nulle sono le emissioni di CO2.

L’energia necessaria è prodotta da un impianto fotovoltaico da 29,5 kWp, che è anche l'impianto solare più grande di tutta l'Ungheria, integrato nella facciata sud ed in una pensilina sul tetto dell’edificio.

L’eco-struttura è stata progettata per minimizzare la dispersione di calore in inverno e per creare una barriera al calore in estate e, nello stesso tempo, per sfruttare al massimo la luce naturale. Il calore e la refrigerazione sono forniti da pompe di calore geotermiche, un sistema ad alta efficienza, che sfrutta la capacità termica e la temperatura costante del sottosuolo.

“Sono molto soddisfatto di questa realizzazione" ha concluso Clini, "ritengo infatti che lo strumento della cooperazione puo’ essere considerato un valido volano per l’ innovazione. Questo e’ il secondo edificio eco-intelligente, dopo quello realizzato in Cina, che nasce da un progetto italiano di eco-cooperazione”. 
 
Maggiori informazioni:

Architetture Sostenibili Srl
Via Noto, 2
90141 Palermo (PA)
Tel. 091 8431062

REC
www.rec.org




comments powered by Disqus