Non c'è una sola strada verso la mobilità sostenibile

13 giugno 2006
Non c'è una sola strada verso la mobilità sostenibile


Clicca per ingrandire

La mobilità sostenibile è l’obiettivo comune di tutti i costruttori automobilistici del mondo. Ma sui modi per raggiungerla, le idee sono diverse. Le condizioni locali possono variare e sia i tipi di carburanti, sia i sistemi di alimentazione, devono dimostrarsi validi nel lungo periodo. Partendo da queste constatazioni, Volvo Car Corporation sviluppa tecnologie in grado di rispondere alle necessità di oggi e a quelle di domani.

"Offriamo un’ampia gamma di automobili in grado di essere alimentate con carburanti provenienti da fonti energetiche rinnovabili" afferma Hans Folkesson,
ex Vice Presidente Senior del settore Ricerca e Sviluppo alla Volvo Car Corporation, è ora alla guida delle Tecnologie Ambientali presso il gruppo Ford in Europa.


"È possibile visionare il programma di vetture Volvo a basso impatto ambientale e il nostro sviluppo sistemi al Michelin Challenge Bibendum 2006."

Per uno stile di vita sano e sicuro
Chiunque sia coinvolto nei problemi della mobilità, deve tenere presente l’impatto che le proprie invenzioni hanno sull’ambiente. L’obiettivo della mobilità sostenibile non può essere raggiunto attraverso una sola strada, per cui si tratta di un lavoro in continuo divenire. L’approccio al futuro avviene attraverso una moltitudine di carburanti, di motori e di sistemi di alimentazione che, tutti assieme, possono dare risposte efficaci e diversificate. Questo è il modo con cui Volvo Car Corporation affronta il problema.

"Siamo orgogliosi di offrire motori alimentati da carburanti rinnovabili su ben quattro dei nostri otto modelli" spiega Hans Folkesson. È probabilmente più di quanto qualsiasi altra casa automobilistica stia facendo.

La dipendenza dalle infrastrutture
Volvo Car Corporation già dispone di un’ampia gamma di veicoli alimentati con carburanti rinnovabili, rivolti soprattutto ai mercati europei. Ciò che impedisce, a questi sistemi, una diffusione più ampia a livello internazionale, è la mancanza di infrastrutture adeguate per la produzione in larga scala e la distribuzione di carburanti ottenuti da fonti energetiche rinnovabili.

"Volvo Car Corporation ha sviluppato due sistemi di alimentazione per carburanti rinnovabili,
che sono attualmente in uso e funzionano alla perfezione, Quando le infrastrutture produttive e distributive internazionali saranno in grado di sostenere l’uso di questi sistemi, un numero molto più grande di automobilisti potrà trarne vantaggio" considera Hans Folkesson.

Presentate in concorso
Volvo Car Corporation ha presentato l’ammiraglia della propria flotta di vetture ecocompatibili al Michelin Challenge Bibendum 2006. Per illustrare il proprio lavoro teso a raggiungere una mobilità sostenibile, Volvo Car Corporation presenta anche, nella stessa occasione, il prototipo Multi-Fuel. La Volvo V70 Multi-Fuel è ottimizzata per essere alimentata con cinque diversi tipi di carburante: hythane, biogas, metano, bioetanolo E85 e benzina.

La tecnologia del diesel pulito è un altro messaggio chiave lanciato al mercato, che si concretizza nel modello Volvo S40 1.6D, una quattro cilindri diesel da 1,6 litri di cilindrata e 109 CV, che consuma soltanto 4,9 litri di carburante per 100 km. Questo la rende, in assoluto, la Volvo più sobria nei consumi che sia mai stata costruita. Sono state presentate in concorso anche le versioni dei motori Volvo Car Corporation previste per l’alimentazione con carburanti rinnovabili. La Volvo V50 FlexiFuel è una quattro cilindri diesel da 1,8 litri di cilindrata e 125 CV alimentata a bioetanolo E85 (85% etanolo e 15% benzina) che riduce le emissioni di anidride carbonica dell’80% rispetto alla benzina.

Per l’alimentazione a gas metano viene esposta la Volvo S60 Bi-Fuel, cinque cilindri, 2,4 litri di cilindrata e 140 CV, che è alimentata da biogas (gas metano ottenuto dalla fermentazione di biomasse) o da gas metano di origine fossile, con la possibilità di utilizzare la benzina per gli avviamenti e come carburante di riserva. Le emissioni di anidride carbonica di un’auto alimentata a gas di origine fossile sono circa il 25% minori rispetto a quelle di un’auto alimentata a benzina. Se, invece, si utilizza il biogas, l’apporto netto nell’atmosfera di anidride carbonica (che è responsabile dell’effetto serra) è pari allo zero.

Trovare assieme il giusto equilibrio
Al pari del rispetto ambientale, la sicurezza dell’automobile rimane uno dei valori fondamentali di Volvo Car Corporation.

"Sicurezza e rispetto per l’ambiente sono ugualmente essenziali per la vita, Tutti gli organismi viventi hanno bisogno di essere circondati da un ambiente sano e sicuro. Il nostro lavoro consiste nel realizzare tecnologie che possano coesistere con l’ambiente naturale" spiega Hans Folkesson.

Volvo Car Corporation riconosce l’importanza di trovare il giusto equilibrio fra le necessità tecnologiche e il rispetto dell’ambiente, tra i vari sistemi e i vari metodi. Il lavoro delle altre case automobilistiche in questo senso, viene considerato ugualmente importante per raggiungere l’obiettivo comune: una mobilità sostenibile.

"Non c’è una strada sola che ci porterà alla mobilità sostenibile. Si tratta, piuttosto, di una pluralità di soluzioni" afferma Hans Folkesson.




comments powered by Disqus