Prima l'uovo o la gallina? Quasi 5 milioni di colonnine per le auto elettriche nel 2015

11 agosto 2010
Prima l'uovo o la gallina? Quasi 5 milioni di colonnine per le auto elettriche nel 2015


Clicca per ingrandire
Secondo una ricerca pubblicata da PikeResearch, una società di consulenza specializzata nel settore delle tecnologie a basso impatto ambientale, nel 2015 ci saranno nel mondo oltre 4,7 milioni di colonnine per la ricarica delle auto elettriche. Auto elettriche di cui per adesso si sente la mancanza, visto che l'industria automobilistica stenta a mettere in commercio modelli che possano essere acquistati anche da normali famiglie.

A parte auto esotiche ed ultracostose come la tesla Roadster infatti, il mercato delle auto elettriche sembra non avere per ora sufficiente offerta. Mitsubishi, la cui MiEV dovrebbe arrivare presto sui mercati europei, ha fissato un prezzo di circa 34.000 Euro, che per una vetturetta delle dimensioni di una Fiat Panda senbra esageratamente fuori mercato per poter essere considerata in sostituzione di un'auto "normale".

Molti attribuiscono alla carenza di colonnine per la ricarica questa carenza di veicoli elettrici, ma la cosa appare francamente un controsenso: chi scrive sarebbe il primo ad acquistare un'auto elettrica per il normale uso quotidiano, se il costo fosse paragonabile a quello di un'auto con motore a benzina, indipendentemente dalla presenza o meno delle colonnine. L'autonomia offerta dai prototipi attualmente in circolazione infatti, pur bassa, è comunque ampiamente sufficiente per un uso giornaliero, ed una volta a casa l'auto potrebbe essere facilmente ricaricata nel proprio garage.

Investire adesso in colonnine per la ricarica di auto elettriche sembra dunque un modo per sprecare denaro, visto che se e quando le auto dovessero essere disponibili sul mercato le colonnine esistenti sarebbero probabilmente state tutte vandalizzate da tempo.



comments powered by Disqus