Minieolico, a Proenergy+ la nuova frontiera per gli investimenti nelle rinnovabili

30 marzo 2013
Minieolico, a Proenergy+ la nuova frontiera per gli investimenti nelle rinnovabili


Clicca per ingrandire
Mentre la fine del Quinto Conto Energia ha messo un freno allo sviluppo del fotovoltaico, ponendo il comparto di fronte alla necessità di rivedere i propri obiettivi, si affacciano sul mercato una serie di tecnologie sempre legate allo sfruttamento di fonti di energia rinnovabile, che si presentano alle aziende come una potenziale fonte di business. Tra queste soluzioni c’è il minieolico, una forma di generazione di elettricità distribuita particolarmente adatta per quelle imprese che, avendo a disposizione siti ventosi, puntano ad unire al consumo la produzione di energia.

“Gli incentivi riconosciuti al minieolico dal decreto ministeriale del 6 luglio 2012 stanno richiamando l’interesse di piccoli investitori, attratti dal buon ritorno dell’investimento, e di operatori del mondo agricolo che vedono in questa nuova forma di produzione di energia un’opportunità di integrazione del reddito – spiega Carlo Buonfrate, presidente di CPEM, il Consorzio Produttori Energia Minieolico –. Guardando ai vantaggi di questa tecnologia è evidente che l’eolico è giustificabile economicamente solo se il sito in cui è installato presenta un’adeguata ventosità. Da questo aspetto dipende, infatti, il rientro dell’investimento che può dirsi adeguato solo se è effettuato entro i 7-9 anni; il che, secondo nostre stime dei costi, è possibile solo a fronte di un funzionamento di almeno 1.800-2.000 ore annue, a prezzi ragionevoli degli impianti”.

Per far conoscere agli operatori peculiarità e vantaggi del minieolico il CPEM ha scelto di realizzare durante Proenergy+ - l’evento professionale dedicato all’efficienza energetica e alle energie rinnovabili che si terrà a PadovaFiere dall’11 al 13 aprile - la Piazza del Minieolico, nella quale sarà possibile incontrare alcune aziende specializzate nella realizzazione di mini-turbine ma anche conoscere le tecnologie costruttive e approfondire gli aspetti economici che ruotano intorno ad un investimento in minieolico. Inoltre, il CPEM organizzerà, nella giornata di venerdì 12 aprile, il III Seminario Nazionale sugli impianti minieolici, in cui verranno affrontate non solo le principali tematiche tecnico-progettuali, ma anche tutti gli aspetti legati alle normative, alle autorizzazioni e alla bancabilità, con focus sugli aspetti contrattuali ed assicurativi. Il seminario vedrà il coinvolgimento di importanti esperti del settore, e sarà aperto a figure tecnico-commerciali e agli operatori, privati e pubblici.

Per informazioni sul seminario e iscrizioni: info@cpem.eu




comments powered by Disqus