Lettera: generatori eolici, come funzionano?

04 aprile 2008

Scrive un nostro lettore:

"Interessante il "mulino a vento" visto nei pressi di Trento. Si dichiara che produce 20 Kw, ma non si fornisce il termine di tempo in cui viene prodotta detta energia. Mi chiedo: cosa è in grado d'alimentare un tale generatore eolico, ad esempio quali macchine elettriche domestiche (frigo, lavatrice, forno ...) e che carico è in grado di mantenere contemporaneamente in funzione? Ed inoltre, ci potrebbe stare sul tetto d'un condominio alto 17 metri (l'impianto di riscaldamento è centralizzato, ma non l'acqua calda) e con che sistemi d'ancoraggio alla struttura lignea del tetto stesso?"

I generatori eolici o microeolici sono decisamente poco conosciuti in Italia, mentre in altri paesi godono di maggiore notorietà. Ovviamente per essere economicamente convenienti devono essere posti in zone dove c'è una prevalensza di venti costanti durante l'arco dell'anno, ma sono in fase di sviluppo nuovi generatori che offrono rendimenti interessanti anche con venti di intensità minore di quelli necessari con la maggior parte dei generatori attuali.

Oltre alla presenza del vento, i generatori devo essere posizionati in posti dove il vento non incontra ostacoli, meglio ad esempio sulla summità di collinette senza presenza di vegetazione ad alto fusto o abitazioni che possano frenare la corsa del vento e modificarne i flussi.

La potenza a cui fa riferimento il nostro lettore sarà sicuramente di 20 kWh, sufficiente - se fosse costante nell'arco delle ventiquattro ore - ad alimentare circa sei abitazioni. Purtroppo però il vento, come il sole, non è costante durante tutto il giorno e la notte, per cui un generatore eolico non può essere da solo sufficiente per alimentare anche una sola abitazione, se non ricorrendo all'immagazzinamento dell'energia generata in un pacco batterie, una soluzione costosa e con problemi di gestione, riservata solo a case isolate in montagna o in altre zone non raggiunte dalla normale rete elettrica.

Se invece il generatore è collegato alla rete elettrica si può godere dei vantaggi del conto energia, ricendendo alla società elettrica l'energia prodotta ad un prezzo prefissato.

Il posizionamento sul tetto di un condominio è una soluzione che comincia a trovare molti consensi in giro per il mondo, e non mancano esempi di generatori montati sulla sommità di palazzi o grattacieli, una posizione che consente di sfruttare il vento ad una quota più alta e non influenzata dalla conformazione del terreno.

La fattibilità o meno dipende però dal tipo di generatore, dall'altezza del palo di sostegno (che varia per adeguarsi alle condizioni del vento) e dalla struttura del tetto a cui ancorarlo.




comments powered by Disqus