Nuove centrali nucleari in Svizzera, fissati i tempi per le votazioni popolari cantonali

24 maggio 2010
Sono stati fissati in Svizzera i tempi per allestire i pareri da parte dei Cantoni e per svolgere eventuali votazioni popolari obbligatorie o facoltative relative alla costruzione di nuove centrali nucleari. Lo scadenzario fissato per la procedura garantisce che nella decisione del Consiglio federale, prevista per la metà del 2012, si possa tenere conto dei risultati delle votazioni cantonali.

Nell'ambito della procedura di autorizzazione di massima, attualmente in corso, per le nuove centrali nucleari che le aziende elettriche Alpiq, Axpo e BKW intendono costruire nei siti di Mühleberg, Beznau e nel Niederamt solettese, all'inizio del 2011 avrà luogo un'audizione dei Cantoni, che saranno chiamati a presentare un parere. In alcuni di essi si svolgeranno inoltre votazioni popolari obbligatorie o facoltative. A metà aprile 2010 il Cantone Berna aveva chiesto al DATEC una proroga dei termini di almeno tre mesi, che avrebbe dovuto essere concessa a tutti i Cantoni in modo unitario.

Il DATEC ha esaminato a fondo la richiesta del Cantone Berna e l'ha respinta, dopo aver sentito l'Ufficio federale di giustizia. Il Cantone Berna ne è stato informato con lettera del 18 maggio 2010. Di conseguenza rimane valido, senza variazioni, lo scadenziario già presentato ai Cantoni a metà marzo 2010:

   1. Tutti i Cantoni hanno ricevuto la documentazione completa relativa alla domanda di autorizzazione di massima, rielaborata a fine ottobre 2009 dai titolari dei progetti Alpiq, Axpo e BKW.
   2. La perizia sulla sicurezza dell'Ispettorato federale della sicurezza nucleare (IFSN) sarà disponibile a fine ottobre 2010. Sarà quindi immediatamente inviata ai Cantoni, in modo che essi possano iniziare a redigere la parte del loro parere relativa alla sicurezza nucleare.
   3. Il parere della Commissione federale per la sicurezza nucleare (CSN) seguirà nel dicembre 2010, in forma di "secondo parere ".
   4. Tutti i Governi cantonali presenteranno i loro pareri, inclusi i pareri dei servizi specializzati cantonali, entro fine marzo 2011. Se necessario, faranno valere la riserva di un dibattito parlamentare non ancora svolto e di un eventuale referendum.
   5. Questi pareri saranno depositati pubblicamente tra giugno e agosto 2011.
   6. I Cantoni svolgono il dibattito parlamentare e/o le loro votazioni cantonali. IL DATEC ha raccomandato ai Cantoni di tenere le votazioni, per quanto possibile, il medesimo fine settimana.
   7. Dopo il dibattito parlamentare e/o le votazioni popolari cantonali, i Cantoni inoltreranno i loro pareri definitivi, che saranno depositati pubblicamente in modo separato a fine 2011/inizio 2012.
   8. Il Consiglio federale deciderà a metà 2012 in merito alle domande di autorizzazione di massima.

In tal modo si garantisce, da un lato, che sia rispettato lo scadenzario della procedura di autorizzazione di massima, allestito nell'ottica di un rapido svolgimento della procedura stessa e, dall'altro lato, che si possa tenere conto, nella decisione del Consiglio federale, dei risultati delle votazioni cantonali.



comments powered by Disqus