Gemasolar, in Spagna si produce elettricità da sole anche la notte!

12 ottobre 2011
Gemasolar, in Spagna si produce elettricità da sole anche la notte!


Clicca per ingrandire
Una centrale solare a concentrazione sembra avere alcuni vantaggi rispetto ad una fotovoltaica di analoga potenza. Nel caso dell'impianto spagnolo Gemasolar, realizzato vicino a Siviglia, quello principale sembra essere senz'altro la possibilità di produrre energia elettrica con un ciclo continuo di 24 ore, risolvendo l'annoso problema di molte delle energie rinnovabili, ovvero la disponibilità in periodi limitati e non tutto il giorno.

Che la produzione possa essere davvero continua per adesso è una dichiarazione del costruttore della centrale, Torresol Energy, e dovrà essere dimostrata nei prossimi mesi, ma il progetto appare interessante. A differenza delle centrali fotovoltaiche, dove la luce genera energia, una centrale solare termica usa il calore del sole per produrre vapore con il quale alimentare turbine e generare elettricità. Il vantaggio è che il calore può essere immagazzinato in modo relativamente facile, permettendo alla produzione di continuare anche dopo il tramonto.

La centrale Gemsolar è composta da 2.650 specchi che reindirizzano la radiazione solare ad una torre centrale alta 140 metri. Il calore qui viene trasferito ad una soluzione di sali, che raggiunge temperature di oltre 500 gradi centigradi. I sali vengono poi immagazzinati in serbatoi isolati, ed impiegati per produrre il vapore che alimenta le turbine fino a 15 ore dopo il calare del sole.

Se questi dati venissero confermati si tratterebbe di un passo avanti importantissimo per le tecnologie solari, anche se i costi di produzione della centrale per adesso sono stati esorbitanti: 400 milioni di dollari per una potenza di 20MW, costi che potrebbero senz'altro calare in caso di costruzione modulare di diverse centrali.

Per adesso l'obiettivo è di generare energia per almeno 20 ore al giorno, con una stima di produzione di 110 GWh all'anno.




comments powered by Disqus