Pannelli solari Red integrati con caldaie a biomassa

30 maggio 2012
Pannelli solari Red integrati con caldaie a biomassa


Clicca per ingrandire
I pannelli solari termici rappresentano un'ottima soluzione per ridurre il costo della bolletta per quello che riguarda la produzione di acqua calda sanitaria, ma sono insufficienti a garantire da soli l'energia necessaria per una normale famiglia. Per questo occorre comunque integrarli con un booster, che può essere rappresentato da una normale caldaia a gas oppure - per chi volesse una soluzione a minore impatto ambientale - da una caldaia a biomasse.

Red, marchio di MCZ Group, fornisce tutti i componenti per una soluzione mista solare termico/caldaia a biomasse ad un prezzo competitivo e con elevate prestazionii.

I pannelli solari termici Red garantiscono sempre un minimo recupero di energia solare anche durante la stagione fredda e nelle giornate coperte, con un rendimento più elevato rispetto agli attuali standard di mercato ed una dimensione più ampia che lo rende due volte più efficiente di un pannello standard, con il vantaggio di ridurre i costi di installazione (è necessario un minor numero di pannelli) e di ridurre i punti critici, cioè le connessioni tra i pannelli.

Come dicevamo, l'impianto solare termico può essere utilizzato come sistema indipendente di produzione di acqua calda sanitaria, oppure può essere integrato alle caldaie a biomassa, completando l’efficienza del sistema e garantendo un confort costante e un risparmio notevole. Un sistema solare Red che combina pannello e gli altri componenti ad alta efficienza può coprire in media fino al 70% dell’energia annua destinata a riscaldare l’acqua sanitaria.

Il rendimento superiore di questi pannelli è dovuto anche ad un vetro protettivo solare strutturato per garantire la migliore resa luminosa., inoltre la lastra assorbitore del pannello è intera, evitando così il rischio di dispersione tipico delle lastre a strisce. Lastra assorbitore e serpentina sono realizzati entrambi in rame al 100%. Questo evita i problemi dovuti alle dilatazioni e garantisce durata nel tempo. Inoltre, la superficie di rame trattata al TINOX consente di massimizzare l’assorbimento solare.

Fra gli altri punti interessanti, la struttura a serpentina che, rispetto ai pannelli standard con struttura “ad arpa”, consente una captazione solare molto più uniforme, e l'isolamento completo: l’isolante interno ha un elevato spessore di 5 cm ed è presente anche sui lati e non solo sulla parte inferiore.




comments powered by Disqus