Solare termico: quali sono le più comuni configurazioni d'impianto?

14 gennaio 2008
Solare termico: quali sono le più comuni configurazioni d'impianto?


Clicca per ingrandire

La configurazione d’impianto finora più utilizzata in Italia è stata quella a circolazione naturale o a “termosifone”, nella quale un serbatoio di accumulo, dotato al suo interno di scambiatore, viene posto al di sopra del
collettore stesso. La circolazione del fluido è garantita dalla differenza di pressione tra il ramo freddo e caldo del circuito chiuso.

E’ una soluzione impiantistica, interamente installata in esterno, semplice, compatta ed economica, adatta per piccoli impianti situati in località con caratteristiche climatiche miti o per un utilizzo prevalentemente estivo.

Per impianti di taglia medio-grande e in previsione di un utilizzo durante tutto l’anno, è senz’altro da preferire lo schema a circolazione forzata con pompa di ricircolo del fluido (foto in alto a destra), che permette di  svincolare completamente il posizionamento dei collettori e del sistema di accumulo.

Naturalmente un sistema energetico, basato su una fonte rinnovabile aleatoria e non costante nel tempo come il sole, necessita di un sistema integrativo di tipo convenzionale per garantire la continuità nella produzione del calore. A tal fine possono essere integrati nell’impianto i sistemi tradizionali di produzione calore, quali:

- resistenze elettriche, installate direttamente nel boiler;
- caldaie istantanee a gas che riscaldano l’acqua in uscita dal Boiler;
- caldaie tradizionali che tengono in temperatura l’acqua nel serbatoio mediante uno scambiatore di calore posto nella parte superiore del serbatoio stesso.

In definitiva, un impianto, oltre ai collettori, comprende:
• un serbatoio di accumulo
• uno o più scambiatori di calore
• una pompa di ricircolo e relativa centralina di comando (se l’impianto non è a “circolazione naturale”)
• un sistema integrativo del calore di tipo tradizionale (gas, elettricità, biomasse)
• valvole ed altri componenti per la sicurezza

Fonte:
Enel




comments powered by Disqus