Collettore solare JODO di Atag Italia

23 gennaio 2009
Collettore solare JODO di Atag Italia


Clicca per ingrandire
Atag Italia, leader in Italia nell’ambito delle caldaie a condensazione e costante protagonista nella ricerca di soluzioni per il risparmio energetico, ha registrato un marchio per i prodotti ad energia solare: JODO.

Tra questi, spicca il collettore JODO di Atag Italia, un collettore solare piano ad assorbimento selettivo. La tecnica costruttiva ed i materiali impiegati conferiscono al collettore solare ATAG JODO un’elevata capacità di assorbimento della radiazione solare ed una buona resa termica (coefficiente di assorbimento 95% e coefficiente di emissione 5%), anche in periodi di ridotta insolazione.

Sono disponibili due modelli: JODO 200 e JODO 250 per installazione in diverse combinazioni.

Il telaio di sostegno è realizzato in profili di alluminio pesante con giunti angolari e fondo in lamiera zincata con ottime caratteristiche di resistenza a condizioni climatiche avverse come umidità e zone saline.
L’assorbitore è realizzato in lamiera di rame spessore 0,2 mm con trattamento superficiale selettivo al titanio ad alta efficienza T-nox. Il processo di trattamento Tnox è ideale per l’assorbitore, non è inquinante o tossico e la superficie trattata mantiene inalterate le caratteristiche meccaniche anche a temperature molto alte o molto basse.

L’isolamento termico dell’assorbitore è realizzato posteriormente con materassino in lana minerale spessore 40 mm e lateralmente con materassino in fibre di vetro spessore 20 mm. La copertura è realizzata con vetro temprato microprismatico spessore 3,5-4 mm. La tenuta all’acqua è assicurata da guarnizioni in EPDM e silicone trasparente.

I tubi di circolazione del fluido vettore sono in rame e sono saldati all’assorbitore con tecnologia a ultrasuoni. Ogni collettore solare comprende due collettori orizzontali in basso e in alto e tubi verticali opportunamente distanziati tra loro. Le giunzioni del collettore solare sono realizzate con giunti in ottone a ogiva metallica e guarnizioni in rame.




comments powered by Disqus