Isolare le case con la carta riciclata

Isolare le case con la carta riciclata

Un tipo di isolante poco conosciuto in Italia, ma utilizzato da moltissimi anni sia nel resto d’Europa (in particolare Gran Bretagna e Germania) che negli Stati Uniti, è la cellulosa ottenuta riciclando la comune carta di giornale.

Si tratta di un isolante di buona qualità, che si impiega con pompe a spruzzo come le schiume sintetiche e permette quindi di raggiungere cavità o intercapedini poco accessibili. Al contrario di altri isolanti, la cellulosa di carta riciclata non contiene formaldeide, ed è trattata con prodotti ritardanti o ignifughi per prevenire gli incendi.

Uno stabilizzante adesivo permette alla cellulosa di aderire alle pareti delle intercapedini e rimanere in posizione, senza depositarsi sul fondo.

Ma la carta riciclata è presente sul mercato degli isolanti anche sotto forma di pannelli pressati o in rotoli, come ad esempio Isolcell (http://www.kenaf-fiber.com/it/isolcell.asp), che arriva ad una densità di 80 kg per metro cubo. Isolcell non contiene additivi inquinanti, ed è un prodotto facilmente riutilizzabile e di conseguenza anche in fase di smontaggio è completamente riciclabile.

Uno dei vantaggi degli solanti a base di carta riciclata è l’assoluta mancanza di sostanza proteiche, cosa che rende questo tipo di prodotti esenti da problemi con tarme e coleotteri.